Con Sgarbi e Crespi la Biennale che la narrazione chic non ti racconta

0

“Troppo spesso l’arte italiana contemporanea è costretta in circuiti espositivi e di mercato che pretendono di soddisfare criteri selettivi stabiliti da parole d’ordine di dubbio valore estetico”: così Sandro Serradifalco (editore, critico, saggista, responsabile editoriale di Art Now e ARTISTI) a proposito della sua nuova creatura, la prima edizione della Biennale dei Normanni (400 artisti contemporanei da oltre 80 paesi, organizzata da Effetto Arte e Art Now di Palermo e studio di consulenza artistica Russo di Roma) da lui diretta e che si inaugura oggi (fino al 18 settembre) a Monreale nelle sale del Museo Civico d’Arte Moderna e Contemporanea Giuseppe Sciortino e negli spazi di Villa Vittorio Veneto.

Un percorso espositivo (dalla pittura alla scultura, dalla fotografia al design alla videoarte) che offre al pubblico gli esiti di quegli stili artistici invisibili alla narrazione chic del sistema di potere (il combinato disposto collezionista/gallerista/critico/media) che satura il mercato dell’arte promuovendo produzioni come fossero le blue chips del contemporaneo e che purtuttavia denotano tutto un mondo là fuori fatto da chi ancora crede nell’arte a prescindere dall’azionariato dei soliti noti e “senza per questo sentirsi come una specie in via d’estinzione” (Serradifalco).

La Biennale dei Normanni è quindi un progetto culturale che si presenta libero da costrizioni di mercato e da dittature critiche, con l’obiettivo non solo di offrire al pubblico uno spaccato del panorama artistico attuale che non troverete nel circuito autoreferenziale che piace alla gente che piace e che tuttavia rappresenta un aspetto non indifferente dello scenario artistico, ma anche di promuovere la città stessa di Monreale, parte imprescindibile del nostro patrimonio artistico, come la protagonista culturale dello scenario nazionale.

Si inizia oggi alle 16 con la presentazione ufficiale della Biennale dei Normanni insieme ad Angelo Crespi, Edoardo Sylos Labini, Vittorio Sgarbi, Sandro Serradifalco, le autorità locali e lo staff di Effetto Arte.

Domani mattina dalle 10.30 invece Angelo Crespi incontrerà gli artisti con lo staff di Effetto Arte, mentre in serata dalle 18 al museo Giuseppe Sciortino avverrà la consegna del premio CulturaIdentità (selezione degli artisti vincitori da parte di Angelo Crespi e Edoardo Sylos Labini) e del catalogo.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

due × quattro =