Come siamo usciti dal terrorismo

7

ABBONATI A CULTURAIDENTITA’: DIVENTA MECENATE!

C’erano gli eroi come Dalla Chiesa e chi strizzava l’occhio ai brigatisti

Tra il 1° gennaio 1969 e il 31 dicembre 1987 le vittime del terrorismo furono 491, i feriti 1181 e 14591 gli atti di violenza “politicamente motivati” contro persone e cose. Nel periodo di maggiore virulenza, tra il 1976 e il 1980, gli atti di violenza furono 9673, quindi una media di cinque episodi al giorno. Nel solo 1979 gli atti eversivi furono 2513, il che significa che la media toccò quota sette azioni di violenza politica ogni 24 ore. Nei soli primi tre mesi del 1980 si ebbero 437 attentati e atti di violenza politica, tanto che da gennaio a marzo furono assassinate 27 persone, ferite 94 e 340 i danneggiamenti alle cose.

Insomma per circa diciotto anni l’attentato è stato una componente costante della vita pubblica nazionale. Ancora nel 1988 si ebbe l’assassinio del senatore democristiano Roberto Ruffilli e tra 1999 e 2003 gli omicidi di D’Antona, Biagi e l’agente Emanuele Petri ad opera delle “nuove Br”.

Il fenomeno terroristico si palesò tra il 1969 e il 1973, seppure nella confusione e nell’incertezza su mandanti ed esecutori, dividendosi spesso su natura spontanea ed autonoma oppure artificiale ed eterodiretta di stragi, sequestri e attentati. Con ministro dell’Interno Taviani e della Difesa Andreotti, nel maggio del 1974 fu creato il primo nucleo antiterroristico all’interno del corpo dei carabinieri per iniziativa del generale Carlo Alberto dalla Chiesa. Questi colse l’aspetto più pericoloso e destabilizzante per le istituzioni dello Stato e la loro tenuta democratica: la “zona grigia”, quell’ampia rete di relazioni e contatti, simpatie e appoggi più o meno concreti, che circondavano il fenomeno della lotta armata. Come si comprende dalle memorie del maresciallo Antonio Brunetti (I 31 uomini del Generale, 2018), gli italiani di ieri e di oggi devono moltissimo a Dalla Chiesa e al suo ristretto nucleo di fidati collaboratori, un drappello di trentuno servitori dello Stato che seppero entrare nella testa dei terroristi, “pensare come loro”, penetrarne le logiche di ragionamento e di azione e così progressivamente sgominarli. L’anno successivo, il 22 maggio 1975, venne approvata la cosiddetta legge Reale, dal nome dell’esponente del PRI, ministro di Grazia e Giustizia nel IV governo presieduto da Aldo Moro. La legge sanciva il diritto delle forze dell’ordine a utilizzare armi da fuoco quando strettamente necessario anche per mantenere l’ordine pubblico. revedeva l’estensione anche in assenza di flagranza di reato del ricorso alla custodia preventiva, misura prevista in caso di pericolo di fuga, possibile reiterazione del reato o turbamento delle indagini. Si potevano effettuare fermi preventivi di quattro giorni, entro i quali il giudice doveva poi decretare la convalida. Fu ribadito che non si potevano utilizzare caschi o altri elementi che rendessero non riconoscibili i cittadini, salvo specifiche eccezioni.

Nel 1982 sarebbe poi giunta la legge sui pentiti che contribuì in modo decisivo a scardinare un movimento terroristico che stava mostrando i primi segnali di incertezza e debolezza, di fronte ad una società in via di profonda transizione post-ideologica.

La prima crepa dentro la vasta area di simpatie e sostegno attivo al movimento terroristico si ebbe con l’uccisione da parte delle Br dell’operaio e sindacalista comunista Guido Rossa a Genova nel gennaio 1979. Il coraggio nel denunciare un collega affiliato alle Br gli costò la vita.

Altro esempio di eroe della nostra democrazia. Proprio quella ultradecennale, travagliata vicenda, piena di violenze e lutti, nonché i suoi prolungati strascichi, induce ad una necessaria riflessione contemporanea. Tra le pieghe della società italiana è circolata a lungo una mentalità refrattaria al senso dello Stato, un’attitudine psicologica anti-istituzionale, permeabile a culture politiche antisistema e apertamente eversive. La tattica adottata fu quella di una risposta graduale, tesa a non alimentare questa temperie ideologica, che una reazione più rapida, diretta e massiccia avrebbe probabilmente finito per convalidare. La scelta dei vertici della Dc e dei suoi alleati seppe tener conto della tesi brigatista, e dell’intero terrorismo di sinistra, che era poi quella dell’antica tradizione anarchico-rivoluzionaria, e poi terzinternazionalista, secondo cui lo Stato “borghese” ha un’essenza autoritaria, un volto “fascista”, che mostra solo se aggredito, nel qual caso si spoglia della maschera legalitaria e garantista rivelandosi per ciò che è, uno Stato di polizia. A ciò si associò una frazione importante della cultura cattolica più radicale, anticapitalistica e terzomondista. Va detto che il mondo della stampa non brillò all’epoca, comprese testate tradizionalmente distanti dall’estrema sinistra. Si avallò a lungo la formula delle “sedicenti” Brigate Rosse, preferendo far rientrare la crescente azione eversiva del terrorismo rosso nelle cosiddette “trame nere”, come se tutto fosse riconducibile a servizi segreti più o meno deviati. La formula “né con lo Stato né con le Br” espresse e sintetizzò tristemente una fase non breve di isolamento di chi operò anche a costo della propria vita per contrastare il fenomeno. Ci furono però anche lodevoli eccezioni e persino vittime del terrorismo tra i giornalisti, come Carlo Casalegno e Walter Tobagi.

Proprio la stagione del terrorismo e le modalità con cui ne uscimmo ci suggeriscono alcune considerazioni su pregi e difetti del sistema politico della Prima Repubblica che, sotto molti aspetti, si è protratto sino ad oggi. In primo luogo l’Italia, come e più di altre nazioni europee, deve molti dei successi della propria storia politica all’intelligenza e abnegazione di autentici servitori dello Stato, come Carlo Alberto dalla Chiesa. Il suo stesso nome, ironia della storia, rievoca quello spirito risorgimentale che è filtrato tra le generazioni di uomini e donne che hanno contribuito a creare lo Stato nazionale e a preservarlo di fronte a immani sciagure. In secondo luogo buona parte della fase della Prima Repubblica che va dal centrosinistra in poi si è contraddistinta per una riposta della classe politica sempre più povera di atti di governo coraggiosi e incisivi per evitare l’impopolarità, preferendo modelli distributivi privi di altra strategia che non fosse quella di attutire la conflittualità.

Fu questa la linea prediletta dalla DC morotea e andreottiana, con o senza il sostegno del PCI, che sul punto era però sostanzialmente convergente. Strategia che consentì alla maggioranza silenziosa di riprendere fiato e alla società italiana di riassorbire e spegnere negli anni Ottanta l’alta tensione ideologica innescatasi a fine anni Sessanta. Si esaurì l’opzione terroristica, anche per implosione del mondo comunista, ma restò il sottofondo culturale sensibile all’estremismo, che si sarebbe tramutato in antipolitica, giustizialismo e populismo tra anni Novanta e Duemila.

7 Commenti

  1. La legge Reale è la madre di tutte le leggi democratiche, contro tutti gli assassini e i traditori dello Stato che reclamano l’impunità abbellendosi pretestuosamente con menzogne di giustizia sociale e lotta ai privilegi, concetti con cui in realtà non hanno niente a che vedere. Oggi ce ne vorrebbero altre identiche, per difendersi dagli assassini repressi dei sedicenti movimenti per i diritti e contro le discriminazioni, in realtà macchine da guerra pagate dalla mafia liberal americana per sovvertire gli Stati liberi. Ci vorrebbe in Italia e ancor di più negli Usa, ma quelli di Dalla Chiesa erano altri tempi: non c’era la dittatura galoppante della UE, non c’era un servo delle lobby in Vaticano e i dem Usa non erano ruffiani servi scodinzolanti di tutte le minoranze. Le leggi a protezione dei cittadini non si faranno più; quelle per massacrarli e umiliarli si sprecheranno.

  2. Quello di spennellare, ora sbianchettando ora facendo diventare “trame nere” l’eversione rossa, è il solo modo che conoscono i figli del fu Pci di fare politica. Che tuttavia, senza il fiancheggiamento della cosiddetta stampa dalla schiena dritta e degli altrettanto cosiddetti abitanti dei quartieri alti, non sarebbero andati da nessuna parte. Ma si sa che nessuno si sa organizzare meglio dei parassiti in colonie.
    Del resto, i comunisti non sono stati e non sono altro che iene con l’aspirazione del doppiopetto. Gli unici soli e veri sfruttatori dei lavoratori: sulle cui spalle i sindacalisti e politici di riferimento salivano per soddisfare le loro ambizioni. E quando è caduta la piramide umana sulle cui spalle questi nullafacenti avevano cercato la propria personale arrampicata, il camaleontico passo indietro di Walter Veltroni: e poi, figli della furbizia, la conseguenziale nascita dei tanti partiti e partitini dal Pci derivati. Che tuttavia è quello di oggi, dato che si sono limitati a cambiare le sigle: Pci, Pds, Ds, Pd e non la mentalità. Un disegno camaleontico, appunto, e nulla di più.
    Fino a dare attualità, all’allora sarcastica esclamazione vergata dal Manifesto che, rivolgendosi all’uomo che anela sempre l’Africa ma standosene in Italia a godersi i frutti delle sue frottole ben vendute, scriveva: «Facevamo schifo!».

  3. Ne siamo usciti mica tanto bene. Il partito comunista più strutturato d’Occidente insieme a stampa, informazione ed in genere l’intellighenzia sempre pronta a blandire i “compagni che sbagliano”, non poteva che lasciare cascami e scorie ancora oggi in grado di ammorbare il Paese. Trovata poi la sua palingenesi tra grillini e Pd, l’antica sinistra che funse da brodo di coltura per terrori mai sopiti, è sempre ben viva e continua a lottare contro di noi.

    • LORENZO se tu conoscessi almeno un briciolo di storia vera, sapresti anche che le “squadracce nere” in verità si sono create, quasi spontaneamente (erano formate quasi spontaneamente da ex combattenti della prima WW) con lo scopo sacrosanto di opporsi con la loro stessa violenza alle squadracce (quelle si) di comunisti bolscevichi italiani che avevano iniziato la rivolta proletaria anche da noi, con occupazione violenta di opifici, pestaggi “di crumiri” e addirittura omicidi di imprenditori ! Questo ovviamente non è scritto sui libri di scuola ne riportato dalla informazione e storiografia di regime, ma è la sacrosanta inconfutabile verità ! Quelli come te hanno la cocozza piena zeppa delle nefandezze e bufalame vario inculcato nelle menti dei deboli, da 75 anni di martellante propaganda “antifasista” . Ebbene quella medesima violenza rossa prevaricatrice ed omicida è tutt’ora presente nell’ambito multifaccia della sinistra italiana e si manifesta con le violenze (ben tollerate dalla magistratura rossa) dei no global finalizzate anche a tappare la bocca (sempre con sistematico uso della violenza) ai politici non komunisti che parlano nelle piazze ai citadini ; con l’uso strumentale della magistratura rossa per neutralizzare gli avversari politici di turno (in perfetto stile staliniano); con la disinformazione della stampa di regime perennemente intenta a dileggiare e screditare l’avversario politico di turno ! Il VERO volto dei partiti e movimenti politici si evince e giudica dai fatti e non dalle chiacchiere o con il cambio dei nomi e degli stemmi dei partiti ! il PCI era il partito comunista più forte, potente e ricco (ERA FORAGGIATO DIRETTAMENTE DALL’ URSS BREVI MANI DALL’AMBASCIATA DI ROMA A KOSSUTTA) dell’intero occidente ! Ma soprattutto, la sua anima rossa maleodorante, resta tragicamente al suo posto nelle menti di chi, come te, crede di ingannare la gente perbene sparando menate infantili traboccanti di falsità ed inganni…un po come accade per politici e simpatizzanti del nuovo PCI

      • mozzafiato…se tu avessi la conoscenza storica..teorica e fattuale degli accadimenti poltici italiani degli ultmi 75 anni….che ho io..potrei quasi dialogare con te..Vedo invece che scrivi per stereotipi e conetti imparati in casa pound..percio’..senti amme’..risparmia i pistolotti per i minus habens mentecatti che credono alle favole neroverdi e sperano nel sol dell’avvenire(ora nero..prima rosso…lololo)..Sono troppo anziano..e ne ho viste troppe per darti la possibilita’ anche minima di dialogare con me…studia..evolviri da fedele seguace di una verita’ unica..riempiti di dubbi..poi ne riparleremo

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

18 − sei =