L’importanza del Nucleo Sommozzatori dei Vigili del Fuoco

0

Purtroppo la tragedia di Suviana (GE) ha fatto emergere un attività poco conosciuta ma fondamentale per gli incidenti in ambiente acquatico che colpiscono il nostro Paese: l’attività dei Nuclei Sommozzatori dei Vigili del Fuoco. Presenti H24 in tutto il territorio nazionale, negli ultimi tempi sono stati colpiti duramente da ristrettezze finanziarie che li costringono in alcuni casi a chiudere sedi operative o a concentrarsi o ridursi in determinate sedi di servizio, mettendo in seria difficoltà il soccorso tecnico urgente sia in situazione ordinaria che per eventi eccezionali.

La loro particolarità è quella di lavorare in determinati interventi e scenari complessi, per soccorso alle persone di superfice e a bordo di barche, ricerca di superfice e subacquea e recupero subacquei. Nascono nel 1952: a livello internazionale i Vigili del Fuoco furono la prima organizzazione non militare a dotarsi di sommozzatori per scopi civili, al servizio dello Stato.

Il Servizio Sommozzatori del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco è articolato in strutture operative costituite da 21 nuclei, con circa 400 unità, che garantiscono una copertura h24 su tutto il territorio nazionale. Oltre alle attività di Search And Rescue in ambiente acquatico, che costituiscono l’attività prevalente, i Nuclei intervengono in svariate situazioni pericolo legate all’elemento acqua, quali le emergenze legate a fenomeni alluvionali, la presenza di fattori inquinanti e di rischi NBCR, le attività di supporto nel caso di incendi a bordo di navi e imbarcazioni.

Nell’ambito della specialità il Servizio Sommozzatori assicura capacità operative nei settori della Speleosubacquea (ordinaria e avanzata) e della Ricerca strumentale, secondo modelli operativi strutturati a livello nazionale.

Dal 9 aprile, giorno della tragedia che ha coinvolto 15 lavoratori presso la Centrale Idroelettrica di Suviana (GE) in cui 7 operai non c’è l’hanno fatta, i Vigili del Fuoco sommozzatori insieme ai colleghi ordinari stanno operando su questo scenario veramente critico e rischioso per la loro sicurezza. Li stiamo vedendo all’opera, impegnati professionalmente nello studiare le varie casistiche di rischio, per non mettere la loro stessa vita a repentaglio. Come in altre occasioni di difficoltà, anche internazionali, riescono sempre a far emergere le proprie capacità tecniche, professionali e umane.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

11 − 4 =