Da Magdi Allam a Giampaolo Rossi la seconda serata del Festival di CulturaIdentità

17

Alma Manera e Marco Prosperini hanno aperto ieri alle 21.30 sulla piazza Innocenzo III di Anagni la seconda serata del Festival di CulturaIdentità con i toccanti versi della Poesia degli Artisti musicati da Carlo Zanetti e dedicati a Papa Giovanni Paolo II. E, come in un salotto di casa, il Festival si è chiuso sulle note dell’inno di Mameli cantato da una splendida Alma Manera, alla presenza degli ospiti di questa seconda e ultima serata (il giornalista Magdi Cristiano Allam, Giampaolo Rossi del cda Rai, Francesco Maria Del Vigo vice direttore del Giornale, la giornalista Laura Tecce e il presidente della Commissione Cultura alla Camera Federico Mollicone) conclusasi con successo e con il cuore e la mente alla prossima piazza italiana. Ecco il resoconto di questa indimenticabile serata.

Giovanni Paolo II è stato il personaggio illustre citato dal primo ospite della serata, un uomo speciale e coraggioso che, malgrado le minacce di morte dell’integralismo islamico, con la sua conversione dà lezioni di vita a chi ha perso le proprie radici cristiane: Magdi Cristiano Allam.

La conversione: ho ricevuto il battesimo la cresima e l’eucaristia dalle mani del Papa Benedetto XVI. L’ho apprezzato, da musulmano, per la sua armonia fra Fede e Ragione nella lectio magistralis all’Università di Ratisbona. Non può esservi vera fede in contrasto con la ragione: è dalla ragione che possiamo toccare con mano la specificità del cristianesimo. La dimensione trascendente della fede e la dimensione umana della fede convivono in modo armonioso, ciò che manca nell’Islam. All’Islam manca la legittimazione dell’uso della Ragione per accedere ai contenuti della Fede.

L’ateismo della nostra società e le eventuali responsabilità di Bergoglio: Benedetto XVI ci mise in guardia dalla dittatura del relativismo. Se manca la verità e tutto è il contrario di tutto, ne va della nostra stessa umanità. Non abbiamo più certezze: siamo di fronte a una deriva relativista della chiesa cattolica di Papa Francesco, legittimando l’Islam come religione a prescindere dai suoi contenuti e da ciò che ha detto e fatto Maometto. Dopo 56 anni di fede musulmana ho verificato l’incompatibilità dell’Islam con i nostri valori. Non posso accettare che un Papa legittimi l’Islam come una religione di pace che consente agli imam di entrare nelle chiese e di salire sull’altare da cui recitare in arabo i versetti del Corano. Islam e Cristianesimo NON sono la stessa cosa. L’Islam è agli antipodi del Cristianesimo.

Con Oriana Fallaci la condivisione del reato di islamofobia: è la paura di guardare in faccia la realtà. Ad oggi l’Islam NON è una religione riconosciuta dallo Stato. L’ordinamento giuridico dell’Islam è la sharia ed è totalmente in contrasto con quello italiano. Eppure l’Italia si comporta con i musulmani come se l’Islam fosse una religione riconosciuta: in teoria non dovrebbe esserci nemmeno una moschea sul territorio italiano, perché l’Islam è totalmente in contrasto con i valori della nostra civiltà. Per islamofobia si intende il divieto assoluto di criticare e ancor di più di condannare l’Islam come religione, ma l’articolo 21 della Costituzione difende la libertà di parola: non sarà più allora possibile criticare l’Islam come religione?

1989: crollo del Muro di Berlino. Papa Giovanni Paolo II dice: “L’Europa deve evangelizzarsi”. Abbiamo bisogno come allora di una Ragione illuminata dalla Fede e non aver paura di dire la verità. E’ un nostro dovere, in particolare per i nostri figli.

In Italia non si fanno più figli: la nostra civiltà sparirà come l’Impero Romano? L’Europa è l’area del mondo con il più basso di natalità, al contrario della sponda meridionale del Mediterraneo: siamo destinati ad essere colonizzati. L’Italia ha il triste primato della popolazione più anziana al mondo dopo il Giappone.

Nel 212 l’imperatore Costantino emanò un editto con cui concesse cittadinanza romana ai sudditi dell’Impero: era lo ius soli dell’epoca. E al contempo spalancò le frontiere ai Barbari. A questo aggiungiamo una crisi economica strutturale e la mollezza dei costumi: ricorda qualcosa? Questo insieme di cose portò nel 476 alla fine dell’Impero Romano d’Occidente. Fu un suicidio: lo stesso suicidio cui è condannata l’Europa di oggi. Per questo dobbiamo fortificarci. Siamo in una crisi epocale.

Se si insulta la religione cattolica si dice che è libertà d’espressione: l’Occidente concede agli altri quello che non concede a se stesso.

Con Oriana Fallaci la condivisione del reato di islamofobia: è la paura di guardare in faccia la realtà. Ad oggi l’Islam NON è una religione riconosciuta dallo Stato. L’ordinamento giuridico dell’Islam è la sharia ed è totalmente in contrasto con quello italiano. L’articolo 21 della Costituzione garantisce la libertà d’espressione, ma se criticare l’Islam diventa un reato allora siamo a un passo dal baratro.

E dal baratro passiamo alle fake news e alla task force contro le fake news. Dopo Magdi Allam sulle note di Ennio Morricone e dopo il dovuto omaggio a Sergio Zavoli sono saliti sul palco Giampaolo Rossi, Federico Mollicone, Francesco Maria Del Vigo e Laura Tecce.

Giampaolo Rossi: nessuno si inginocchia per i cristiani massacrati in Africa. Anche in Occidente il verbo cristiano è visto come una colpa da perseguitare. Nelle serie americane, lo psicopatico è sempre e comunque legato a un cristiano.

Federico Mollicone: dobbiamo capire che c’è un clima da Ministero Della Verità come ai tempi di Orwell. Il primo testo lo presentò Emanuele Fiano, che prevedeva che il Presidente della Commissione anti fake news spettasse all’opposizione, cioè a Fiano stesso. Peccato che ora sia alla maggioranza e non più all’opposizione, tipico esempio di eterogenesi dei fini.

Francesco Maria del Vigo: l’Italia è l’unico paese in cui si va in piazza contro l’opposizione.

Federico Mollicone: la dittatura sanitaria dolce di Giuseppe Conte: perché volevano segretare i verbali del comitato scientifico anti covid? Hanno costruito una narrazione dell’emergenza con l’obiettivo di tenere in casa tutti, anche laddove non c’era l’emergenza. Dovevano essere fatte zone rosse selettive per non colpire l’economia italiana. Questo è un governo clinicamente morto che resta in piedi grazie all’emergenza.

Chi sarà il prossimo presidente della Repubblica? Ancora Sergio Mattarella: si è trovato bene…

Giampaolo Rossi: c’è paura della verità. Una volta nell’immaginario la Destra limitava gli spazi d’espressione, mentre la Sinistra si apriva alla libertà e al confronto. Oggi il rapporto si è capovolto. La sinistra ha sposato la visione globalista e invece di difendere i nuovi poteri sposa il verbo della elite. E siccome l’elite detiene il potere dell’informazione, il paradosso è che proprio la sinistra sposa il controllo del pensiero. E’ uno stravolgimento: a destra si difende la libertà d’espressione vietata dalla sinistra.

Se ti sei perso la diretta Facebook, guardala qui.

17 Commenti

  1. Fate piu figli e cercate con democratica decisione di rispettare le regole e i valori morali spariti dalla morente europa disunita. L Islam perdera credetemi non ha futuro perche v basato sulla violenza e sui sopprusi ne sa qualche cosa eretz israele solo a combattere questo cancro. Grazie della vs attenzione e non perdete la speranza. Coraggio!!!!!

  2. La Costituzione del 212 con cui veniva estesa la cittadinanza romana a tutti coloro che si trovavano sul territorio dell’impero è di Antonino Caracalla, non di Costantino

  3. Adesso sono tutti dei sapientoni ,quando certe situazioni le ha scritte la mitica Fallaci dopo l’11 settembre, tutti a dichiarare che era una fanatica visionaria.
    Certi libri bisogna leggerli senza preconcetti per capire a fondo il senso
    Bisogna rendersi conto che con l’attuale politica, questo sarà il nostro destino o più precisamente dei nostri figli i quali a loro tempo diranno:”quanto è stato bravo quel cialtrone di mio padre”

  4. L’Islam è una religione farlocca, priva di autentici valori morali, inventata di sana pianta dalla sera alla mattina da un invasato manipolatore di popoli arretrati. E come mai ha tanti proseliti? Semplice: fin dalla culla gli fanno subito il lavaggio del cervello, in queste condizioni come è possibile che un bambino non cresca musulmano?

  5. “Grazie alle vostre leggi democratiche vi invaderemo; grazie alle nostre leggi religiose vi domineremo”. Il vaticinio emesso da un autorevole notabile musulmano nel corso di un incontro ufficiale sul dialogo sul dialogo islamo–cristiano, oggi è un autentico ‘mantra’ per gli addetti ai ‘livori’. Come del resto non si stancava di ammonire il mai troppo rimpianto Card. Biffi, che durante un convegno nel 2000 alla Fondazione Migrantes sentenziò “O l’Italia ridiventerà cristiana o diventerà musulmana”. Serve altro?

  6. Certo è che stiamo attraversando un periodo che non ha eguali nella storia, quindi non si possono fare previsioni. Valutiamo come è cresciuta la popolazione mondiale, siamo a circa 8 miliardi di individui che consumano, inquinano e che ora subiscono anche carestie. Che futuro potrà avere l’umanità? Sicuramente la religione di qualsiasi estrazione non prevede questo su scala mondiale, allora ci sono le nuove politiche come i globalisti, questi vogliono allargare lo share di mercato portando un po di consumo anche nelle aree più depresse, per mantenere in vita il nostro sistema produttivo. Dall’altro lato ci sono i sovranisti che si vogliono chiudere a riccio per poter sopravvivere a un futuro incerto. Le religioni in questo caso svolgono un ruolo marginale, adattabile alle nuove esigenze sociali.

  7. Solo per l’incapacità e volere della nostra POLITICA e del volere di FRANCESCO tutto questo alla faccia degli ITALIANI che ci fanno PAGARE sulle nostre fatiche

  8. Ma di che ci dobbiamo preoccupare? Chiodo scaccia chiodo, come stirpe scaccia stirpe. Ditemi Voi se è logico il dato reale, che il 17% della popolazione mondiale, consumi e sprechi risorse a gogò, mentre l’altro 83%, sta al palo a guardare le pance gonfie di noi occidentali. Ma per forza di cose ci “ASFALTANO”, prima o dopo! Dove sta scritta una tale sproporzione? Quale dio o quale demone può avere ordinato un comando simile? Altro che Civiltà! L’Occidente, così carico e stracolmo di “NICHILISMO”, incapace di dare un futuro ai suoi giovani e risposte ai “perché”, imploderà da solo, di fronte alle nuove “stirpi”. Il “LIMITE” è stato superato e il Cristianesimo, col suo ottimismo e promesse, ne è l’oscuro artefice.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui