Al Museo Civico Gian Andrea Irico di Trino il virtuale diventa reale

0

ABBONATI A CULTURAIDENTITA’

L’esperienza immersiva del virtual tour fra le sale ci invita a una visita “dal vivo”

Il virtuale non deve sostituirsi al reale. Ma può aiutare ad apprezzarlo meglio. Mai come ora nel settore della Cultura la tecnologia ha permesso agli utenti di fare ciò che fino a non molto tempo fa era solo immaginabile. La pandemia e le serrate poi ci hanno messo del loro: non potendo andare fisicamente in mesi e gallerie, i tour virtuali hanno efficacemente ovviato a quella impossibilità. Questa innovazione è tuttora utilissima, perché consente ai visitatori di conoscere la cultura ancor prima di averla assaggiata. E la successiva esperienza reale diventa una conquista. Il Museo Civico Gian Andrea Irico di Trino a Vercelli (fondato negli anni ’70 da Vittorio Viale e intitolato al letterato e storico settecentesco trinese che per primo intraprese lo studio e la scrittura della storia del territorio) ha fatto proprio così, trasformandosi in un mondo 3D per massimizzare l’esperienza culturale del visitatore, offrendogli un viaggio nel tempo reso possibile grazie al finanziamento della Regione Piemonte ottenuta dal Comune di Trino. L’utente ha così l’occasione di esplorare la storia di questa località che nel suo passato ha intrecciato le sue vicende con importanti eventi e protagonisti di varie epoche, viaggiando dalla preistoria al Seicento grazie ai reperti che si possono ammirare, digitalizzati, all’interno delle varie stanze, con una serie di approfondimenti per una più ampia comprensione dei diversi periodi storici. Un’innovazione utilissima anche, se non soprattutto, per chi non avesse ancora avuto modo di far visita (reale) al museo. Insomma, un vero e proprio “opening” virtuale. L’esperienza di visita è accessibile a tutti, da ogni luogo e in qualsiasi momento, per conoscere la storia di Trino e del suo territorio, dai primi ritrovamenti preistorici fino al ‘600, con alcuni approfondimenti che danno una visione ancora più ampia dei vari periodi. Il tour virtuale (trinocultura.it) simula la visita del museo reale proponendo un’esperienza immersiva potenziando la fruizione classica dell’ingresso nelle sale, attraverso un percorso che si snoda dalla preistoria all’epoca romana e al Medioevo, passando poi al ‘500 e l’invenzione della stampa, fino al periodo della peste e agli assedi del ‘600. A questo risultato si è arrivati in una prima fase di catalogazione e digitalizzazione delle opere presenti nel museo e poi nella costruzione di un database delle informazioni storico-culturali ad esse legate. Questi stessi dati sono poi confluiti nei QR code che, posizionati accanto alle opere, attivano l’audio guida del tour per i visitatori in presenza. Il tour migliora quindi la frequentazione reale del museo, invogliando il visitatore ad andarci poi anche fisicamente. Siamo quindi tutti invitati anche a una visita reale, guidati dai soci dell’associazione archeologica delle Belle Arti Tridinum che raccontano con passione e competenza in questo viaggio nella storia.

ABBONATI A CULTURAIDENTITA’

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

19 − tredici =