Capezzone: “Inutile il taglio senza una nuova legge elettorale”

10

Oggi in edicola il numero di settembre di CulturaIdentità: Daniele Capezzone svela l’inganno che sta dietro all’accorpamento in un’unica data (20 settembre) delle elezioni regionali e del referendum costituzionale sul taglio dei parlamentari. Tutt’altro che un election day: con la campagna elettorale ad agosto, senza talk show, approfondimenti, adeguata informazione, si è creato il precedente per cui una riforma costituzionale avverrà (o non avverrà) senza alcuna seria possibilità per i cittadini di discutere la posta in gioco. Nel suo intervento Capezzone illustra le ragioni del sì e le ragioni del no e dimostra come, se vincesse il sì, avere 300 parlamentari in meno non servirebbe a nulla: continueremmo a restare in balia dei partiti. I 5 Stelle, che sostengono il sì, sono fermi all’anti-casta e non propongono una cornice costituzionale al taglio dei parlamentari: che forma di Stato vogliamo? Che forma di governo? Volete portarci a Washington (con il presidenzialismo), a Londra (con il premierato), o a Tripoli?

Che aspetti allora? Oggi chiedi al tuo edicolante di fiducia il nuovo numero di CulturaIdentità!

CulturaIdentità sarà in edicola, al prezzo di 3 euro, per tutto il mese di settembre.

10 Commenti

  1. CAVOLO…’HANNO SCONGELATO..ATTENTI CHE APPENA SI SCALDA RIFA’ IL SALTO DELLA QUAGLIA..E’ UN PROFESSIONISTA …LOLOLOLOLO

  2. Egr. Capezzone sono perfettamente d’accordo. Un taglio potrebbe essere proficuo solo se operato contestualmente alla modifica di una legge elettorale inadatta e ad una modifica della costituzione che elimini quell’anomalia tutta italiana del bicameralismo perfetto per cui una legge entra nel tornello tra Camera e Senato uscendone solo dopo tempi inaccettabili e completamente stravolta nella sostanza. Inoltre, quantunque anche un piccolo risparmio non sia mai da sottovalutare, la riduzione proposta non garantirebbe certo quel risparmio monster tanto sbandierato dai 5str.

  3. E’ un dovere morale votare NO al referendum! Contro una legge truffa sul taglio dei parlamentari. Contro quelli dei 5s, che sono e rappresentano il peggio del peggio del Paese.

  4. Ci vorrà una NUOVA legge elettorale (speriamo definitiva, inamovibile-i padri della costituzione se ne sono dimenticati), si dovranno ridisegnare i collegi elettorali, tante volte ridisegnati per tenere vivi partitelli clinicamente defunti.
    MA SE NON SI FA PRIMA IL REFERENDUM per sapere quanti Parlamentari avremo, CHE LEGGE ELETTORALE VUOI FARE?
    Prendono in giro gli Italiani, che NON sanno quanti ce ne saranno! DA 630 deputati si passa a 400 e da 315 senatori si passa a 115! La riduzione è di 430!
    Sono bastati 64 Parlamentari per indire il referendum; ci vogliono 50.000 firme se NOI vogliamo un referendum. E volete mantenerli?

  5. Fatalità! Tutti i politici che parlano contro il taglio del numero dei parlamentari sono proprio quelli che, se vincesse il sì, molto difficilmente sarebbero rieletti…

  6. dalle dirette tv satellitare delle sedute di camera e senato si vedono più di metà di posti vuoti, chi parla lo fa ai tre gatti suoi compagni di partito. Gli altri sono assenti magari pure giustificati per safari in africa o pesca al salmone in norvegia o settimana bianca sulle ande……Ben venga il taglio di questi mangiapane a tradimento e dopo a chi non sarà presente alle sedute dovranno essere dati gli otto giorni e poi a casa, come succede a noi poveri lavoratori.

  7. Qualcuno dice che si deve votare in contra del taglio dei parlamentari. Sbagliato, sbagliatissimo, un numero elevato come in Italia rappresenta la inefficienza e la incapacità di risolvere ed agire in maniera veloce e costruttiva. Internazionalmente, le società private che si muovono in maniera agile hanno un numero ridotto di strati manageriali e pochi membri nel consiglio di amministrazione. Basta considerare che il numero di parlamentari Italiani è il più alto di Europa ed eccezione del Regno Unito. Come confronto, gli Stati Uniti hanno 535 parlamentari, con 328 milioni di abitanti, questo significa 1,63 parlamentari per ogni milioni di abitanti. Invece Italia ha 945 parlamentari, con 60 milioni di abitanti, e questo da 15,75 parlamentari ogni milioni di abitanti. Quindi Italia ha quasi 10 volte di più parlamentari che gli Stati Uniti. Quindi, per favore, votate per il taglio dei parlamentari Italiani. Faresti un bene all’Italia e alle nostre tasche di contribuenti tartassati.

  8. vedi capezzone che la legge sia stata proposta dai 5 ? non ce ne può fregar di meno, bisogna prendere al volo questa via e cominciare a togliersi dagli zebedei un pò di marciume che
    fa solo il male del paese. Che i 5 dopo proclamino vittoria, lasciamoli fare, è il loro canto del cigno, e pensa che fra qualche anno torneranno ad essere tutti disoccupati, per fortuna che riapriranno gli stadi per dare lavoro a venditori di coca cola e caffè borghetti.

  9. capezzone, noi ti stimiamo ed ammiriamo ,ma pensa un pò:non è forse questo numero
    esagerato di parlamentari che non consente di avere persone veramente rappresentanti
    delle proprie idee? la prima riforma costituzionale sarebbe il vincolo di mandato,
    infatti è solo disgustoso come uno eletto in Rif com sia transitato per leu, pd ed approdato ad italia viva. Ma i suoi elettori si sentono sempre rappresentati?

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

5 × 5 =