Con Petrecca e Claudia Conte gli eroi antimafia in Italia e nel mondo

0

ABBONATI A CULTURAIDENTITA’

Lungo il Tevere un tema di grande interesse e attualità. L’attivista antimafia e scrittrice Claudia Conte continua il suo ciclo di iniziative in tutto il territorio nazionale per promuovere la cultura della legalità con un nuovo evento romano intitolato “Le logiche mafiose in Italia e nel mondo”. Questa volta è il turno del Circolo Canottieri Lazio che catalizza per l’occasione personalità della politica, della cultura e dello spettacolo per parlare di contrasto alla criminalità organizzata. A poche ore dalla giornata nazionale della memoria delle vittime di mafia.

A moderare l’iniziativa, in diretta su Radio Radicale, il Direttore di Rai News 24 Paolo Petrecca. Dopo i saluti introduttivi del presidente del circolo ospitante, l’avvocato Raffaele Condemi, e dell’On. Mauro D’Attis della Commissione bilancio, tesoro e programmazione della Camera dei Deputati, intervengono l’On. Rita Dalla Chiesa e l’ex ministro degli Esteri Luigi Di Maio. «Mio fratello – dice la Dalla Chiesa – cerca la veritá da sempre, a tutti i costi. Lui parla nelle scuole, io al pubblico. Entrambi lottiamo contro ogni tipo di mafia. Ma si deve partire dagli insegnanti. Per vivere quotidianamente la legalità come faceva mio padre». Passano per un saluto il vice presidente vicario del Coni Silvia Salis, la principessa Victoria Colonna e gli attori Elisabetta Pellini, Alex Partexano e Pietro Romano con la psicoterapeuta Irene Bozzi. Ecco Guglielmo Giovanelli Marconi, Emilio della Fontanazza e Fulvio Rocco de Marinis con Amedeo Goria. In sala ci sono anche Maria Pia Calzone, Marco Carrara e Alessandra Canale. Durante l’evento la Conte presenta inoltre il suo romanzo per Armando Curcio Editore alla seconda ristampa “La legge del cuore. Storia di assassini, vigliacchi ed eroi”. «I giovani hanno bisogno di figure di riferimento come Don Giuseppe Diana – aggiunge l’autrice – ucciso dalla camorra, per poter scegliere da che parte stare. Dalla parte del bene o da quella del male. Basta opere cinematografiche che mitizzano i boss. Ricordiamo Dalla Chiesa, non Messina Denaro». Nel corso dell’appuntamento viene inoltre ricordato che la Conte è anche promotrice dei 10 obiettivi dell’Agenda Onu 2023 attraverso progetti di utilità sociale in collaborazione con le principali realtà istituzionali del Paese. Lunghi applausi a fine incontro. Poi firmacopie fino a tardi. E il prossimo appuntamento è il 30 marzo, a Reggio Calabria, per affrontare questa volta il tema della ‘ndrangheta con Andrea Monorchio, ex Ragioniere generale dello Stato.

ABBONATI A CULTURAIDENTITA’

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

18 + tre =