E adesso sognano una Meloni di sinistra

3
E adesso sognano una Meloni di sinistra

ABBONATI A CULTURAIDENTITA’

E adesso sognano una Giorgia di sinistra. E soprattutto la sognano le donne di sinistra. Qualcuno gli dica che questo non è possibile ed i motivi sono tanti. Scompostamente cercano, si affannano, ma in realtà sanno che la ricerca e’ vana.
La storia dell’Italia repubblicana e’ stata avara di personaggi carismatici, basta una mano sola per contarli. Berlinguer, Craxi, Pertini e se vogliamo Giovanni Paolo II, d’altra parte di politica ne ha fatta anche lui e parecchia, se pensiamo a ciò che è accaduto sotto il suo pontificato con la caduta del muro e il crollo del comunismo.
Quale è stato il comune denominatore di queste personalità? Il carisma. E per carisma si sa cosa si intende: forza delle idee, capacità di coinvolgere, visione, onestà intellettuale, ed anche la storia personale, che si riflette come in uno specchio sulla vita dei più.La Signora Giorgia Meloni e’ questo.
Ecco simpatici amici e amiche della sinistra vengo a rappresentarvi che è inutile sbracciarsi, aiutati dal buon senso invece, dovreste cercare di convogliare le vostre idee di sinistra verso una linea politica che faccia una sinistra degna e sostenibile.
E per degna intendo mondata dall’odio se ci riuscite, e per sostenibile intendo supportata di una qualsivoglia idea di società. La nostra democrazia ne sarebbe lieta. Ne sarebbero liete le donne di destra come me e financo Giorgia Meloni che, sebbene vestita con tuta da palombaro contro i continui attacchi di squali e tracine, sente le ferite di questi attacchi.
Seguendo questa via magari dareste esempio e indicazione anche agli ‘artisti’ e ‘intellettuali’ che la dileggiano senza vergogna (vergogna soprattutto verso se stessi).
I leader carismatici non nascono sotto gli alberi come i funghi ad ottobre.
Sono sostanza rara, quindi se anche non si fosse d’accordo su niente del pensiero di Meloni, buona educazione vorrebbe che non la si insultasse o ancor peggio umiliasse dileggiandola. Quanto fanno tenerezza le giornaliste di sinistra nei loro talk di sinistra con i loro vestitini di sinistra e i loro sorrisetti di sinistra, quando stoppano e interrompono chiunque tra gli ospiti (di sinistra) si accinga a dire qualcosa di generoso verso Meloni? Ma gentili dame di corte cosa vorreste fare? Vorreste fermare il vento con le mani?
La sinistra ricominci dal rispetto e se anche questo non basterà certo a trovare un leader carismatico, forse basterà a trovare una strada e già sarebbe abbastanza.
Meloni non ha mai insultato nessuno, ha controbattuto, si è difesa, ma non ha mai insultato. Ci sarà un perché?
Non sappiamo se varcata la soglia del Palazzo farà bene o farà male, la differenza ha un valore sotto il profilo sociale e politico senza dubbio, ma non sotto il profilo storico.
La svolta storica ormai si è palesata. C’è. E questo deve bastare a sollevare il cappello.
Giorgia Meloni è nella storia. Potrete tagliarla a pezzetti…ma il vento li raccoglierebbe.

ABBONATI A CULTURAIDENTITA’

Articolo precedenteVincenzo Pinto, l’essenza di una riflessione etica
Articolo successivo“Quelle femministe che rosicano per la vittoria di Giorgia”
STUDI 1990 Laurea in Sociologia _ Universita degli Studi di Roma ‘La Sapienza’ 1992 Tessera giornalista pubblicista 1997 Fonda a Roma il Teatro dei Contrari in Via Ostilia 22 ( il nome del teatro di recente e’ stato trafugato da altri da lei diffidati e denunciati contro l’utilizzo) REGIE CINEMA 2004 Scrive e gira il lungometraggio in pellicola ‘Riturnella’ film in dialetto calabrese, vincitore del festival di Salerno nel 2006 Prodotto da Regione Calabria 2009 Scrive e gira il lungometraggio in pellicola ‘Il volo di Dio’ anteprima al Politecnico Fandango di Roma Produzione indipendente 2010 Cura l’anteprima al Festival di Los Angeles del film ‘Calibro 10’ con Franco Nero Dal 2009 al 2012 Organizza la Rassegna ‘Contrari in Jazz’ Prodotta dal Comune di Roma REGIE TEATRO Prodotti con il contributo del Ministero dei Beni Culturali INSULTI AL PUBBLICO di Peter Handke VIAGGIO IN PIROGA di Peter Handke L’ORA IN CUI NON SAPEVAMO NULLA L’UNO DELL’ALTRO di Peter Handke LO SPECCHIO DELLE FARFALLE di Tonino Guerra CENT’ANNI DI SOLITUDINE di G.Garcia Marquez di cui scrive adattamento teatrale Dal 2011 i Contrari hanno ideato e seguito il Sila Festival di cui e’ Presidente l’imprenditore italoamericano Cav. Raffaele Alberto Ciclicamente tiene laboratori di teatro anche come preparazione per esame presso l’Accademia di Arte Drammatica In cerca di Produzione per nuova sceneggiatura di lungometraggio dal titolo : ‘LYON DREAM’

3 Commenti

  1. Scusi l’ardire’,carissima Sigra.
    Giorgia c’è nella ‘STORIA’.
    Mi segua:
    Elez Camera 25/sett/2022,ieri l’altro.
    Elisa Montemagni,cdx-leghista ma pur sempre coalizzata elettoralmente della Giorgia Meloni vincitrice delle elezioni,nel comune di cui poi parlerò,intanto Grazie dott.Mieli x aver messo na pezza alla ns distrazione ed a quella dei giornali d’area che hanno preferito dar spazio alla ‘gnocca senza testa’ piuttosto che a st’avvenimento così tanto ‘sperato ed atteso’,finalmente…,voti 622…48,98%____Martina Nardi,csx voti 308…24,25%=doppiata.
    E soprattutto,x l’es che interessa:elez Senato 25/sett/2022 e ‘riconfermato’ eletto:
    Patrizio Giacomo La Porta,cdx,FDI voti 629…49,57%____Anna Graziani csx voti 288…22,7%,totalmente straccionata.
    Siamo a S.Anna Di Stazzema,luogo simbolo dell’antifascismo x quella ‘maledetta’ strage compiuta dai nazisti e dove Spike Lee girò il suo film che tante polemiche suscitò dopo le sue dichiarazioni di condanna sugl’indegni comportamenti dei partigiani,da cui derivò quella ‘indegna pur sempre’ strage.Quei nomi che lei ha ricordato non possono però essere fieri del loro operato in democrazia se ad aprire le barriere sono stati gl’italiani,e ben tanti anni dopo la fine dell’indottrinamento che quei soggetti avevano ‘perseguito’.Forse gli antifascisti hanno preferito dare ragione a Spike Lee,per ‘affidarsi’,ripetendosi,ad un anti-antifascista piuttosto che agli eredi generati dai quei ‘personaggi’ citati?Ma è avvenuto e questo è l’importante.
    E confidiamo,cara Giorgia…
    ‘Sempre e per sempre
    dalla stessa parte’
    …vogliamo ritrovarti.

    • Non mi sovveniva proprio,ma…mi è riapparso all’orizzonte e pur avendolo già commentato in altro articolo su questo giornale,mi ripeto anche da Lei.
      Carissima,”è possibile”,invece se…
      “Se parliamo di
      Dio Patria e Famiglia
      nessuno è più a DX di NOI.
      Se parliamo di
      Stato Sociale
      nessuno è più a SX di NOI”.
      Son certo che Giorgio Almirante non si POTEVA sbagliare esprimendo questo giudizio.

      • E Giorgia x il bene di tutti NOI è meglio che lo tenga ‘bene in mente’,accingendosi a governare.Anche perchè la Meloni dovrebbe ricordare che
        “Ci siamo seduti a dx perchè tutti gli altri posti erano occupati”.
        E ricordando,se non ad altri a me stesso,che l’anno di nascita,vero,di questa parte politica(e delle precedenti) e di cui una buona maggioranza ne fa ancora parte,non è stato il 28 dic 2012 ma…il 29 ott 1949 quando Antonio Nigro,segretario del sez del MSI,caddè sotto il piombo del Marchese Berlingeri a Torre Melissa(Crotone)guidando i braccianti calabresi di quella zona che chiedevano il rispetto del decreto Gullo sull’assegnazione delle terre incolte ai contadini vogliosi di lavorare la terra.Non il solo a cadere sotto il piombo,certo,ma certamente ‘da protagonista’ dello sciopero.
        Più sx che si può.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

3 × cinque =