Tra Memoria e Impegno la Fondazione Museo della Shoah

0

ABBONATI A CULTURAIDENTITA’

Claudia Conte presenta il bilancio sociale della Fondazione Museo della Shoah. Interverranno i ministri Nordio e Abodi. Presenti sindaco Nardella, Noemi Di Segni, Ruth Dureghello, Silvia Scola. Evento organizzato e presentato da Claudia Conte.

La Fondazione Museo della Shoah, in collaborazione con l’attivista Claudia Conte, presenta “Tra Memoria e Impegno: La Fondazione Museo della Shoah si racconta” mercoledì 24 maggio 2023 ore 17.00 Casina dei Vallati – Roma

 
Mercoledì 24 maggio 2023 alle ore 17.00 presso la Casina dei Vallati, si terrà l’iniziativa “Tra Memoria e Impegno: La Fondazione Museo della Shoah si racconta” ideata e organizzata in collaborazione con Claudia Conte, conduttrice e attivista per i diritti umani.
 
L’evento, che vedrà la partecipazione di diverse personalità del mondo delle istituzioni, della cultura e del sociale, sarà l’occasione per presentare il Bilancio Sociale 2022 della Fondazione Museo della Shoah.

Dopo la visita alla mostra “L’inferno nazista. I campi della morte di Belzec, Sobibor e Treblinka”, guidata dal curatore Marcello Pezzetti, ci sarà una tavola rotonda, moderata dalla stessa Claudia Conte e in diretta su Radio Radicale, cui prenderanno parte: il Presidente Fondazione Museo della Shoah Mario Venezia, il Ministro della Giustizia Carlo Nordio, Ministro per lo Sport e i giovani Andrea Abodi, la Presidente dell’Unione Comunità Ebraiche Italiane Noemi Di Segni, la Presidente della Comunità Ebraica di Roma Ruth Dureghello, il Sindaco di Firenze Dario Nardella.
Saranno presenti anche l’attore e doppiatore Luca Ward, voce narrante della mostra, e la regista e sceneggiatrice Silvia Scola.

Con questa seconda edizione del bilancio sociale, la Fondazione Museo della Shoah intende porre in evidenza le attività organizzate durante lo scorso anno, quali la didattica, le mostre, i convegni, le presentazioni di libri, il Cineforum, la produzione di documentari e soprattutto come queste ricoprano un ruolo primario per i propri stakeholder.

 “Mi sono avvicinata con grande rispetto, umiltà e profondo senso di responsabilità al tema della Shoah attraverso le attività e i progetti della Fondazione che permette di mantenere viva e presente la memoria, lo sterminio di 6.000.000 di ebrei e le dinamiche che l’hanno generato, trasformando in attività formative il monito della Shoah per l’umanità intera.” Queste le parole di Claudia Conte a pochi giorni dall’iniziativa.

Come sottolinea Mario Venezia: – La nostra sfida quotidiana è quella di mantenere alti livelli di servizio, migliorando la qualità formativa dei nostri utenti e promuovendo una strategia di condivisione, attenta allo sviluppo di collaborazioni sostenibili, sia da un punto di vista economico che sociale. Lo scopo principale trasmettere il patrimonio storico-culturale per il cui accrescimento e cura lavoriamo sodo ogni giorno.”
 Come si evince dal bilancio sociale, nel 2022 sono stati riscontrati importanti segnali, in relazione sia all’incremento delle attività condotte sia dell’interesse intercettato: dall’esponenziale aumento dei visitatori delle mostre in corso alla Casina dei Vallati, sede museale della Fondazione, che ha raggiunto quota 55.000 presenze, fino al numero di studenti che hanno partecipato online all’incontro con Sami Modiano che ha sfiorato i 150.000 collegamenti.
 
Altro dato che emerge è come nel 2022 la Fondazione abbia rafforzato il proprio rapporto con gli istituti scolastici, grazie alla promozione ed estensione dei Percorsi per le Competenze Trasversali e l’Orientamento e agli eventi in presenza con scuole provenienti da moltissime regioni d’Italia.

ABBONATI A CULTURAIDENTITA’

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

cinque × 4 =