Infermieri, meno retorica più fatti

0

Li hanno chiamati eroi ma li hanno dimenticati in fretta. Perché l’Italia è un Paese dalla memoria corta. Medici e infermieri sono passati dall’essere i terminali dello sfogo per l’inefficienza della sanità ad eroi senza mantello. La triste attualità a cui tutti siamo abituati racconta una storia fatta di turni massacranti, stipendi bassi, dispositivi di sicurezza non adeguati, bonus covid fantasma, e spesso anche aggressioni. Nessuno può rischiare la propria incolumità solo perché fa il suo dovere. Ancora più se svolgendo il proprio lavoro contribuisce a salvare vite umane. Quanto accade nei pronto soccorso e nelle strutture ospedaliere italiane è intollerabile. Oggi è la giornata mondiale degli infermieri, ma non c’è nulla da festeggiare. Solo una constatazione: il personale sanitario è stato di nuovo messo in un angolo, vittima delle promesse di chi ci governa. E allora riempiamoci meno la bocca di vuota retorica e impegniamoci con i fatti a tutelare chi si prende cura della salute degli italiani tra enormi sacrifici. Grazie, ricominciamo da qua.

CLICCA QUI E SOSTIENI LA NOSTRA VOCE LIBERA

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

due × 1 =