Le Città Identitarie guidate dal sindaco Riboldi entrano negli Stati Generali del Patrimonio Italiano

0

La Rete delle Città Identitarie ideata dal fondatore di CulturaIdentità Edoardo Sylos Labini sarà guidata dal sindaco di Casale Monferrato Federico Riboldi ed entrerà negli Stati Generali del Patrimonio Italiano. Gli Stati Generali sono una consulta permanente e plenaria costituita dai 150 rappresentanti delle più autorevoli e importanti organizzazioni, private e pubbliche, che operano nel settore del patrimonio e si sono insediati lo scorso maggio presso il CNEL Consiglio Nazionale dell’Economia e del Lavoro. Infatti l’Italia custodisce e possiede il più importante patrimonio architettonico, artistico, culturale e storico del mondo e aveva quindi necessità, dopo 75 anni di vita repubblicana, di disporre di un organismo dedicato al principale asset identitario. L’attività è organizzata attraverso 13 commissioni di settore tra le quali la Commissione II “Borghi, Comuni, Proloco e Province” la cui presidenza è affidata a Enzo Bianco attuale presidente del consiglio nazionale dell’Anci Associazione Nazionale dei Comuni d’Italia. Nella stessa commissione, oltre al rappresentante di Anci, siede quello di Unpli Unione Nazionale delle Proloco d’Italia e di Upi Unione Province d’Italia. Uno dei compiti della Commissione è quello di gestire territorialmente le iniziative Heritage Day ed Heritage Week coordinando le attività di organizzazione e promozione. La Commissione I Accademie, Scuole e Università” è invece presieduta da Antonio Uricchio, attuale Presidente di Anvur Agenzia Nazionale per la Valutazione del Sistema Universitario e della Ricerca.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

20 − 16 =