Santanché: “I piccoli Comuni valori dell’italianità”

0
Mussomeli (CL) - cittaidentitarie.it

ABBONATI A CULTURAIDENTITA’

Il Ministero del Turismo ha aperto oggi il bando per il Fondo per i piccoli Comuni a vocazione turistica che ha come obiettivo la valorizzazione dei Comuni con popolazione inferiore a 5.000 abitanti.

Noi di CulturaIdentità, che da anni perseguiamo l’obiettivo di valorizzare i piccoli borghi come patrimonio culturale ineguagliabile e lo realizziamo anche attraverso gli annuali Festival di CulturaIdentità, non possiamo che accogliere con viva approvazione.

Il Fondo ha come obiettivo la valorizzazione dei Comuni con popolazione inferiore a 5.000 abitanti classificati dall’Istituto nazionale di statistica come Comuni a vocazione turistica, così da incentivare interventi innovativi nell’ambito dell’accessibilità, della mobilità, della rigenerazione urbana e della sostenibilità ambientale.

Il Fondo avrà una valenza pluriennale sul triennio 2023-2025 e una dotazione complessiva di 34 milioni, di cui 10 milioni di euro per l’anno 2023 e di 12 milioni di euro per ciascuno degli anni 2024 e 2025.

La dotazione di 34 milioni di euro ha come obiettivo quello di aiutare e valorizzare valorizzazione i piccoli comuni che sono il 70% dei Comuni in Italia incentivando interventi innovativi nell’ambito dell’accessibilità, della mobilità, della rigenerazione urbana e della sostenibilità ambientale.

Nello specifico, gli interventi sono finalizzati a:

  • accrescere l’accessibilità e la fruizione dell’offerta turistica da parte di persone con disabilità
  • sostenere la creazione e lo sviluppo di nuovi itinerari e destinazioni turistiche, che valorizzino l’identità territoriale e la vitalità culturale dei piccoli Comuni
  • riqualificare tramite infrastrutture gli ambienti urbani e le aree oggetto di dissesto idrogeologico ai fini della fruizione turistica dell’area
  • potenziare forme di mobilità sostenibile
  • creare, produrre e diffondere gli spettacoli dal vivo e festival
  • promuovere e sviluppare il turismo locale del settore primario e delle attività artigianali tradizionali
  • ridurre l’impatto ambientale del turismo
  • incrementare la sostenibilità ambientale della destinazione turistica

«L’Italia ha, nei piccoli Comuni, uno straordinario patrimonio culturale da coltivare per mantenere vivi i valori dell’italianità, famosi ed unici al mondo e che sono, poi, le nostre radici e tradizioni». Così il Ministro del Turismo Daniela Santanchè, che ha aggiunto: «Questi soffrono, però, di un sempre crescente spopolamento, ma hanno un potenziale turistico che può diventare volano di rinascita e sviluppo economico: con questo bando noi ci poniamo l’ambizioso obiettivo di aiutarli nel loro sviluppo e non solo ricettivo. Il governo ha a cuore questo asset strategico, che è la vera spina dorsale dell’Italia, e lo dimostra il fatto che pochi giorni fa anche il ministro Musumeci ha dedicato un bando a supporto di queste località piccole, ma che sono fondamentali per l’industria turistica della Nazione. L’iniziativa – prosegue il Ministro- si pone nella più ampia strategia di valorizzazione del comparto turistico che vedrà oggi in Consiglio dei Ministri importanti misure a sostegno di quella che può davvero diventare la prima industria d’Italia».

A proposito di piccoli borghi cogliamo l’occasione per invitarvi a Trino nel vercellese dove venerdì 21 luglio inizierà l’VIII Festival delle Città Identitarie e a seguire a Loano, in Liguria, dal 22 al 24 agosto, per il IX Festival.

ABBONATI A CULTURAIDENTITA’

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

6 + diciotto =