Il centro destra convinca gli indecisi dicendo: no per sempre al Green Pass

10

ABBONATI A CULTURAIDENTITÀ

Dei sondaggi che normalmente vedete un numero importante quasi mai viene evidenziato o considerato a dovere. Mi riferisco ai cosiddetti indecisi. Mi spiego meglio. In Italia ci sono largo circa 47 milioni di elettori. Ometto di considerare i circa 4 milioni di italiani residenti all’estero cui viene riconosciuto il diritto di eleggere otto deputati e quattro senatori all’interno rispettivamente di una camera che dal 25 settembre conterà 400 deputati e 200 senatori. Focalizziamo il ragionamento sui residenti in Italia per il momento. Quando leggete le percentuali di voto attribuite a ciascun partito, queste si riferiscono agli elettori che sono già molto o abbastanza decisi su chi votare. Mediamente i sondaggi ci dicono che gli indecisi sono il 40%. Quindi quei sondaggi fotografano le intenzioni di voto del 60% dei circa 47 milioni di elettori; vale a dire 28 milioni di italiani. Rimangono fuori circa 19 milioni di italiani da questa fotografia. Sia chiaro. Non è minimamente pensabile che questi 19 milioni si decideranno da qui al 25 settembre. Solo una parte di questi si farà un’idea ed andrà a votare. L’astensione alle urne è un fenomeno ormai consolidato con trend in crescita ovunque. Alle ultime elezioni politiche del 2018 non si sono recati alle urne circa 13 milioni di italiani. Erano quasi 12 nel 2013. Addirittura, 9 nel 2008. È quindi ragionevole, per non dire ottimistico, ipotizzare che di quei 19 milioni di indecisi decidano di andare a votare circa 4 milioni di italiani. In tal caso avremmo un’affluenza del 70%. In calo rispetto al 2018. E considerato che sarà una campagna elettorale molto breve con la gente in vacanza riterrei il dato tutto sommato un successo. Questi 4 milioni di italiani si aggiungeranno ai 28 che già oggi sono più o meno convinti su chi eleggere. E potranno sicuramente cambiare l’attuale fotografia dei sondaggi. Questi, come ben sapete, non possono essere né pubblicati né tanto meno citati negli ultimi quattordici giorni di campagna elettorale. Ecco quindi spiegato come mai spesso e volentieri si va a votare con una fotografia scattata dai sondaggisti due settimane prima che poi trova riscontro o meno nella realtà. La seconda considerazione che provo a fare riguarda il tipo di elettore che è attualmente indeciso. La mia opinione è che difficilmente troverete un piddino indeciso. Condivido in proposito la considerazione espostami dal politologo Giovanni Orsina in una recente intervista su La Verità: “L’elettorato del partito democratico è quello soddisfatto, benestante, che vive nei centri urbani ed ha un lavoro stabile, a cui l’ordine delle cose va bene così com’è. Gli scontenti invece vorrebbero cambiare le cose. Ma il cambiamento è complicatissimo da ottenere. E quindi oscillano fra entusiasmo ed astensione. E questi stanno idealmente a destra”. Considerazione del resto confermata da una circostanza che tutti possiamo condividere anche a livello intuitivo. Più l’astensione è alta, come accade nelle elezioni amministrative, più il PD fa bene. Viceversa, quando l’astensione si abbassa. La riflessione che dovrebbe quindi fare il Centro Destra è evidente: oggi viene dato in vantaggio e ci sono oltre 4 milioni di italiani che idealmente potrebbe decidersi a votarlo in buona parte. Ma se ancora sono indecisi un motivo ci sarà. Forse, azzardo, sono rimasti delusi e umiliati dall’azione del governo in questo ultimo anno e mezzo. Penso ad esempio all’odioso strumento del greenpass ed alla barbarie dell’obbligo vaccinale. Un motivo di riflessione su cui sarà bene che Berlusconi, Meloni e Salvini riflettano attentamente. Il consenso non è mai da dare per scontato.

ABBONATI A CULTURAIDENTITÀ

10 Commenti

  1. Aggiungo che voterei volentieri per un partito che saggiamente non contribuisca con soldi (miei) e armi (acquistate sempre con soldi miei) alla guerra in Ucraina, piegandosi ad un paese che ha altri interessi dei nostri. Ora basta, abbiate coraggio

  2. Io NON dimentico che Forza Italia e la Lega hanno contribuito a discriminare, con l’introduzione del green pass, quattro milioni di italiani che seguendo la Costituzione (art.35) hanno rifiutato di farsi inoculare il siero sperimentale.
    Io NON dimentico che Forza Italia e Lega hanno lasciato senza lavoro migliaia di questi italiani o richiesto il pizzo (leggasi il tampone ogni due giorni) per andare a lavorare ad altrettante migliaia di questi italiani.
    Conclusione: io NON voterò MAI PIU’ per chi abbia usato la coercizione ed il ricatto come instrumentum regni…

  3. Io voterò convintamente per F.I., quindi per Silvio Berlusconi, anche se mi costa un sacco di fatica, ma non certamente per il Cavaliere, l’unico statista in mezzo ad un gruppo di vili traditori.
    Votando questo cdx dobbiamo pensare che ci salviamo dalla Patrimoniale, dagli ius soli, dal Dl Zan, dai magistrati rossi.. ecc.
    Ecco perchè NON avrei MAI votato per questo cdx, rubato da chi sa solo contare quanti voti avrà in più, e non per le proprie capacità amministrative.
    Al contrario del parere del dott. Fabio Dragoni, sono sempre stata a favore delle vaccinazioni, quindi del pass che ha salvato innumerevoli vite e attività lavorative…

        • Forse sarebbe il caso che fossi proprio tu a dover ‘riguardare’,in tema covid, ‘qualche percentuale’,anche se sarebbe na perdita di tempo che non ‘riusciresti’ proprio ad ‘interpretarla’…e sarebbe anche il caso che il tuo idolo,il Silvio,ti vietasse tutta sta ‘manfrina’ che posti quasi giornalmente,soprattutto su il giornale(di lui),non foss’altro x la sfiga che gli porti se sta riducendosi a non poter contare con fi,post 25 sett,che solo su na 20ina d’eletti (NB:consiglialo che come D’Alema a Gallipoli,il silvio si presenti,ormai deciso,vero?,candidato al senato solo nell’UNINOMINALE,e che scelga pure il collegio che più gli aggrada,che la ‘trombatura’ non conosce ‘confini’ sicuri,e non indossi alcun ‘paracadute’ per vedere ‘l’effetto che fa il planaggio sulla terra ferma’),…sei depositaria con la tua firma di qualche conto nei paesi esotici x conto di lui?Aspiri che l’ex facente funzioni taxista Licia Ronzulli ti ‘prenoti’ pensando che si riapra quel che riaprirsi non si può proprio più?Che non ci sarebbe proprio il motivo,per la gente pensante,e non per non ‘interessati’,rimanere con gli occhi ‘improsciuttati’ x così tanto tempo…datti na svegliata…e smettila con le fesserie sulla/e patrimoniali:le patrimoniali da tutti i partiti richiesti,riguardano solo ed esclusivamente ‘categorie’ di un certo livello economico(magari compresi anche i ‘concessionari’ di aziende o ‘regali’ statali a prezzo irrisorio,secretato anche come lo era x autostrade dei benetton e degli altri concessionari,ma che rendono ai possessori ‘miliardi e miliardi e miliardi…di euro),e che non sai neanche che stai a difenderle,che le ‘patrimoniali’ dei ‘medi e medio bassi’ li STIAMO pagando TUTTI ogni giorno,e nelle più svariate forme.E smettila con sta fobia antimeloniana,che senza a Meloni e la probabile sua percentuale alle prox elezioni,del cosìdetto cdx non rimarrebbero neanche le ‘foglie’:e vista l’età non sarebbe neanche un ‘belvedere’:o tu t’accontenti lo stesso di quel che si ‘vedrebbe’?Magari stai ad illuderti che gli ‘astensionisti’ sarebbero capace di votare Tajani,Ronzulli e galliani,vero?

    • Condivido l’ultima frase del commento in merito al green pass e le vaccinazioni. Su Berlusconi, invece, no. Ha fatto il suo tempo, meglio passare oltre. Ma come tanti altri politici pensa di essere indispensabile.

    • Lo smacco sarà per tutta l’Italia.
      Per governare occorre anche una preparazione a tutto tondo, non è sufficiente rifarsi il look e andare a lezione di recitazione.

  4. via subito green pass e sanzioni alla Russia.
    Dire e fare queste due cose per l’interesse dellla Patria e per guadagnare voti.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui