A Ladispoli un Premio grazie a Solidarietà Sociale

L’idea di fondare l’associazione Culturale “Solidarietà Sociale”  nasce dall’amore comune di un gruppo di amici per la parola scritta e per il sociale. Dal 21 aprile 2005, data volontariamente fatta coincidere con il natale di Roma, tante sono state le iniziative organizzate.  L’associazione in questi anni ha presentato più di cento libri mentre sono state quaranta le conferenze organizzate su temi sociali come l’ambiente, la violenza sulle donne, la famiglia, la vita come valore da difendere, oggi questo gruppo di amici è un riferimento culturale e di informazione per il litorale nord di Roma. L’associazione è anche editrice de “La Coccinella” mensile di informazione locale, sport e cultura. Fiore all’occhiello di Solidarietà Sociale è l’organizzazione del Premio Letterario “Città di Ladispoli” arrivato alla settima edizione,  l’ultima, ha visto due categorie in concorso, narrativa edita e giallo edito, dove hanno partecipato 110 scrittori da tutta Italia. La premiazione che come ogni anno viene organizzata l’otto dicembre nella sala del centro polifunzionale del Comune di Ladispoli, ha visto protagonista per il giallo “Le canaglie del venerabile” di Gianluca Ascione un thriller ambientato nella Treviso fascista, mentre per la narrativa  “Vita e il libro dei morti” di Alessandra Cinardi un fantasy ambientato nell’antico Egitto. L’associazione sta già lavorando alla prossima edizione, a breve verrà pubblicato il nuovo bando con l’introduzione della categoria “racconti”.

 

Walter Augello



yoast seo premium free