Meridione d’Italia: è tempo di agire

0

E’ da tempo che seguo con un certo interesse i movimenti delle forze politiche del nostro Paese, nella speranza di trovare (o di ritrovare) finalmente interlocutori politici con i quali analizzare, al di fuori delle demagogie novecentesche, i problemi che da troppo tempo attanagliano il Sud e di cercare, analiticamente, fattive soluzioni agli stessi.
Da troppo tempo le classi dirigenti del Sud si limitano ad una narrazione parziale o inesatta dello status quo. Personalmente avverto una crescente e pericolosa apatia dei meridionali verso la politica, verso l’esercizio democratico del voto e verso la speranza di un avvenire migliore. Molti giovani sono costretti a emigrare altrove per costruirsi un futuro migliore e noi amministratori ci dedichiamo, conseguentemente e con difficoltà, a gestire e migliorare i servizi dedicati alla terza età che sempre più caratterizza i nostri dati anagrafici comunali.

Ciò che noi politici calabresi abbiamo il dovere morale di fare è certamente un mea culpa, nonostante qualche isolato tentativo, rispetto al fatto di non essere riusciti a condurre, facendo rete, il Meridione fuori questione, analizzando collettivamente ciò che dal post-De Gasperi non ha più funzionato. Come fondatore insieme al prof. Ferraro de l’Italia del Meridione, insieme a tanti militanti e amici, stiamo tentando da tempo, visto lo stato di degrado dei nostri territori, di canalizzare una proposta politica unitaria e di massa, pur non disponendo di mezzi e risorse necessari rispetto ai partiti tradizionali. Ma rendendoci conto di come ciò non basti, urge il bisogno di avviare un momento di riflessione alto e plurale, per ricercare soluzioni alle storture nel governo della cosa pubblica che aggravano i divari territoriali tra Nord e Sud, che allontanano i figli della stessa Patria e tarpano le ali dello sviluppo economico.

Bandendo, allora, ogni evanescente rivendicazione localistica perché consapevole della marginalità strutturale e di rappresentanza del Sud, superando ogni forma di pregiudizio ideologico, avendo la pretesa di spiegare l’importanza del Meridione nei processi di crescita del Paese, è necessario ritrovare la strada per un rinnovato impegno che abbia l’ambizione sincera di condurci fuori dal guado, facendo sintesi delle migliori tradizioni politiche e istituzionali del Paese. Bisogna acquisire la consapevolezza che solo una crescita complessiva di tutte le realtà territoriali può determinare la dimensione nazionale del mercato: è questa la grande eredità, finora non colta, di due grandi pensatori come Alcide De Gasperi e Pasquale Saraceno, entrambi del “profondo Nord”, rispettivamente Trentino e Lombardia.
Dalla riunificazione del livello infrastrutturale (ponte sullo Stretto e alta velocità), dalla fiscalità di vantaggio, dalla digitalizzazione e semplificazione dello Stato passa il futuro del nostro Paese e delle giovani generazioni. Deve essere questo l’avamposto del nostro impegno politico e sociale. Non vi è più tempo da perdere, ora o mai più. Il disagio sociale cresce di giorno in giorno, e noi sappiamo bene come questo possa portare a pericolose derive populiste e violente.
E’ tempo di concretezza, di azioni visibili che superando ogni retorica e ogni pregiudizio ideologico, con la forza delle idee sia capace di scuotere finalmente le coscienze collettive e non demandare ad improbabili e improvvisati sciacalli il nostro domani.

Foto dello Stretto di Messina, piervincenzocanale, CC 4.0 SA by

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

undici + 7 =