Milano e altre città prede delle baby gang, sono queste le risorse del PD?

7

ABBONATI A CULTURAIDENTITA’

Perfino Chiara Ferragni l’aveva notato, quando i suoi amici ricchi erano stati vittime di furti e rapine: vivere a Milano è pericoloso. Eh sì, altro che #milanobelladadio. Ora che perfino i nativi del Pianeta Municipio 1, zona chic in quota elettorale PD, se ne sono accorti, cosa succederà? Niente. Va tutto bene madama la marchesa. Il post indirizzato a Beppe Sala poteva spuntare le armi agli obiettori di coscienza civica in quota progressista, ma la replica del Sindaco aveva fatto rientrare nei ranghi la dissidente. Milano pericolosa? Ma va là, è bella come il sole. Eppure il degrado è sotto gli occhi di chi non abbia le fette di salamelle delle Feste dell’Unità. Provate a fare una passeggiata, di giorno, in viale Vittorio Veneto lungo i Bastioni di Porta Venezia. E il sabato sera con la vostra fidanzata in Corso Como a due passi dalla galleria chic di Carla Sozzani. Neanche tanto tempo fa dopo la mostra del World Press Photo qui ci trovavi i fighetti, oggi hai un’elevatissima probabilità di incontrare una baby gang o qualche immigrato ubriaco che ti taglia la gola per fregarti 4 soldi. E, sempre per restare nelle aree geografiche chic, quante volte donne sole nel parco accanto alla Triennale hanno rischiato di subire o hanno subito violenza? E in stazione Centrale? Clandestini, bivacchi, degrado, aiuole che diventano cessi a cielo aperto, spaccio, furti, rapine, violenze varie. Il bello di tutto questo è che lì, proprio lì, in piazza Duca D’Aosta, ci hanno messo la mela gigante di Michelangelo Pistoletto, un po’ come quando nel 700 in assenza totale di igiene si usavano i fiori per coprire i fetori. Milano bella lì, con la Stazione Centrale portale d’ingresso per turisti e investitori che accedono alla città “che è il posto dove bisogna stare”, tra la Borsa col dito di Cattelan (ma perché l’allora Sindaco ha permesso questa bambinata?), fashion week e Salone del Mobile e City Life, che infatti è di proprietà di un fondo del Qatar. Fiori che non riescono a nascondere gli afrori, cioè le banlieu in via di apparizione, dove perfino le Forze dell’Ordine hanno difficoltà a operare. Non occorre scomodare Rogoredo, fino all’altro giorno centro nazionale dello spaccio, ora un po’ meno. Basta andare sui Navigli, in via Bolla. Provate a passare di lì dopo l’apericena. Altro che periferie. Stiamo assistendo a un aumento esponenziale della violenza, in centro e non in centro, non solo a Milano ma un po’ ovunque. Un po’ tutta Italia è preda delle baby gang, italiane-e-no-ma-più-spesso-no. Ricordate la baby gang di immigrati che ha fatto l’assalto al treno di Gardaland? «Qui le bianche non salgono!», gridavano, fra palpeggi e molestie. “Qui le bianche non salgono” e infatti da Gardaland arrivi a Riccione, dove la riviera romagnola diventa scenario di un film exploitation, con esplosione di violenza di giovani gang di stranieri, fra assalti antiitaliani organizzati Sei un’italiana del c…!» grida un branco di ragazzine prima di aggredire una 15enne), risse, pestaggi, rapine. Violenze annunciate e rivendicate con vanto, tanto La Polizia non può sparare, per citare il film di Umberto Lenzi. Eccole le risorse del PD: in Italia proliferano le sfide all’OK Corral, aumentano a dismisura le zone franche dove la violenza la fa da padrona. Urge intervenire immediatamente per porre fine a una situazione potenzialmente fuori controllo, altro che discettare di ius scholae.

ABBONATI A CULTURAIDENTITA’

7 Commenti

  1. Qualche giorno fa, in pieno centro in quel di Bergamo, prossima capitale della cultura e retta dal magnifico Giorgio Gori, alle 8 del mattino tutti in silenzio per non svegliare i 3 che dormivano nell’aiuola. Verso le 8 e 30, si sono svegliati, si sono tolti le magliette e hanno fatto ampio uso di stick deodorante per ascelle e altro. Va be’, hanno espletato la minzione nel cespuglio accanto, in bella mostra, ma in fin dei conti cosa c’è di più naturale di una bella pisciata in compagnia? Sono passate un paio di auto dei vigili ma evidentemente avevano altro da fare. Nel far colazione al tavolino del bar, a due metri di distanza, non era un bello spettacolo ma ho sopportato stoicamente sapendo che quei tre, in fin dei conti, stanno soffrendo e adoperandosi per pagarmi la pensione.

  2. Italiani un pò tonti? o forse preda di una politica troppo vicina alla criminalità?. Di sicuro ci dobbiamo svegliare, sono decenni che alcuni cittadini denunciano questo modo di gestire l’immigrazione, clandestina o meno, ma sono sempre stati tacciati da certi politici e certa stampa come degli insofferenti, intolleranti, perfino razzisti (termine sempre più impropriamente abusato) solo per dare spazio alla politica del PD e compagni di merende non sempre condivisibili. In tutto questo marasma anche l’Europa, che tanto si atteggia a difensori dei deboli ma a spese degli altri ha le sue responsabilità, infatti si guardano bene dal concedere la libera circolazione, la loro Ipocrisia e peggio di quella del PD.

  3. Eh, ma si sa, questi sono potenziali votanti. Ecco perchè la sinistra vuole a tutti i costi tutti gli Ius possibili. quello Sola, quello Schola, e chi più ne ha più ne metta. Poi per qualche decina di migliaia di reati si può anche chiudere un occhio. L’importante è che ne vengano a milioni, tutti potenziali voti per la sinistra.

  4. “a dispetto dei consensi che le arrivano da una subcultura populista”.
    A sinistra è festa. Festa dell’odio contro la prima donna che potrebbe diventare, senza alcun aiuto esterno al suo schieramento politico, né all’interno del proprio, presidente del Consiglio dei ministri. Poiché l’accordo è lampante: potrà sperare a quell’incarico solo e soltanto se Fdi uscirà dal responso delle urne con un’amplissima maggioranza. Una contraddizione che va oltre le Colonne d’Ercole dell’insensatezza: per un pianeta politico che ha creato una gabbia indegna come le quota rosa, alfine di poter dare una mano alle zoppicanti compagne d’avventura.
    Così Fulvio Abbate, un professore comunista, che del comunismo ne ha fatto una professione dissolvente e smagante, dà tranquillamente sfogo a una specie di misoginia istituzionale puntando l’indice contro tutti quelli che non la pensano come lui e il suo Pci, Pds, Ds, Pd. Un aspirante Leoluca Orlando Cascio, insomma, che dava a certi quartieri storici la qualifica di mafioso se era il suo avversario ad averne ottenuta la maggioranza dei voti, mentre diventavano ipso facto tutti dei francescani quando a essere premiato dal responso delle urne era lui.
    Questa è l’Italia che questa sinistra, con gli ultimi 5 presidenti del consiglio: Mario Monti, Enrico Letta, Matteo Renzi, Paolo Gentiloni, Giuseppe Conte e Mario draghi, ha consegnato agli italiani.
    Ciò nonostante, per questi amanti dell’arcipelago Gulag, c’è il proclama di Fulvio Abbate. In perfetto stile staliniano.
    Sempre silente il Quirinale.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui