Vogliono impedire di presentare il Sistema nelle piazze: Palamara come Dreyfus

0

Oggi Perugia ha scritto una pagina tragica, ha richiesto il rinvio a giudizio di un uomo dopo averne cambiato per ben 5 volte il capo di imputazione e dopo aver discusso nel processo non sulle carte ma di altro, ai soli fini di ottenere un massacro mediatico per impedire allo stesso di difendersi in modo sereno e adeguato. Una giustizia ingiusta che non cerca la verità, ma ha gia individuato il colpevole e ora sta cercando un alibi plausibile per condannarlo. In una aula di “giustizia” si è tenuta una vera e propria pagina di pericoloso autoritarismo. Si vuole condannare Palamara per nascondere la verità come la polvere sotto al tappeto e per uccidere definitivamente la possibilità di una vera riforma della giustizia che vada a smantellare le calcificazioni del Sistema. Oggi quel Sistema sta ancora lì e vuole restarci con ogni mezzo. Chi si cela infatti dietro all’avvocato che ha chiesto di fermare le presentazioni del libro con una subdola censura? Cui prodest? Da qui gli attacchi pretestuosi a Palamara, colpevole di fare presentazioni del suo libro in giro per l’Italia e dunque reo di lesa maestà alla buona e ipocrita immagine della magistratura. Ma i dati sugli errori della mala giustizia li avete letti? Cosa pensa l’Europa di noi in campo giustizia e carceri lo sapete? L’uso politico della giustizia non è solo il titolo di un vecchio libro di Fabrizio Cicchitto, ma la cronaca di una realtà che dopo 50 anni è ancora immutata. Esistono aree politiche – storicamente principalmente il PCI-PDS-DS – che hanno usato la magistratura per prendere il potere e magari ne sono poi rimasti vittime. Il Sistema macina e abbatte chiunque!
E’ un qualcosa da Unione Sovietica. Un Paese che censura libri, spettacoli e pensiero è in pieno regime. Mi aspetto che qualcuno interrompa lo spettacolo che stiamo con grande successo presentando in moltissimi Comuni d’Italia, spettacolo teatrale tratto dal libro di Sallusti e Palamara e mi dica che non si può fare. Nemmeno nella Germania comunista o nella peggiore Urss succedevano cose del genere. Il libro, che sta scatenando tanta discussione, dovrebbe far cambiare il sistema correntizio. Invece di provare a modificare le cose, il Sistema resta lì e continua a usare la giustizia per scopi intimidatori. L’appello, quindi, è che i magistrati puliti, che sono la maggior parte, facciano sentire la propria voce. Quello che sta avvenendo sotto agli occhi di tutti è un nuovo e ancora più eclatante caso Dreyfus. La storia quando si ripete non è tragedia ma è farsa. E trovo gravissimo che non sia stata ancora istituita una commissione parlamentare d’inchiesta per far luce su quanto è accaduto ma soprattutto per impedire a Perugia di condannare un innocente e silenziare la sua battaglia di verità.

CLICCA QUI E SOSTIENI LA NOSTRA VOCE LIBERA

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

diciassette + 11 =