“Donne di carta”, a Roma e poi al Salone del Libro la storia al femminile

0

ABBONATI A CULTURAIDENTITA’

Si è tenuta ieri a Roma presso Cappella Orsini la presentazione del libro Donne di Carta, scritto da Mariangela Preta e Stefania Mancuso, edito da Libritalia.

LEGGI ANCHE: Voci, sguardi e immaginari delle “Donne di carta” in Calabria

Durante la presentazione, moderata da Francesca Russo, sono intervenuti il Ministro per le Pari Opportunità Eugenia Roccella, il Sottosegretario all’Interno Wanda Ferro, il direttore del Centro per il libro e la lettura Angelo Piero Cappello, la direttrice di Naxos Legge Fulvia Toscano, il direttore e fondatore di CulturaIdentità Edoardo Sylos Labini, la direttrice editoriale di Libritalia Simona Toma, l’editore Enrico Buonanno e l’attore Gigi Miseferi.

Un libro, Donne di Carta, che rappresenta un vero e proprio appuntamento con la storia: donne di cultura, scrittrici, poetesse, giornaliste, nate tra il diciannovesimo e ventesimo secolo, calabresi (o che di Calabria si sono nutrite) che, nonostante il periodo pregno di pregiudizi e censure, sono riuscite a dettare una linea di emancipazione importante per l’Italia. Il libro è nato allo scopo di sottrarle all’invisibilità e di marcare della loro presenza i territori di appartenenza, per rendere significante il manifestarsi delle loro soggettività all’interno di differenti contesti in tutti gli ambiti dell’espressività e i settori dell’arte, del pensiero, della scienza: una molteplicità di voci, di sguardi, di immaginari diversissimi, che però formano le trame di un tessuto attraverso cui leggere i nostri territori, narrando simbolicamente di queste donne le “storie”, le “imprese”, l’impegno, i percorsi, i risultati raggiunti nei vari campi, in una parola il genio.

Da Adelasia del Vasto, contessa di Sicilia e madre di Ruggero II, che sposò in Calabria il conte normanno Ruggero I e che scrisse il documento cartaceo più antico d’Europa oggi conservato a Palermo nell’archivio di Stato, a Adele Cambria, femminista e giornalista reggina, figura centrale nella cultura italiana sessantottina.

Ma poi anche Nosside, una tra le più grandi poetesse della Magna Grecia, nata a Locri; Lucrezia della Valle tra le prime donne letterate della Cosenza del seicento e tante altre.

Uno spaccato dItalia tutto da scoprire tra le pagine di un libro che ha come unico obiettivo quello di restituire il riconoscimento dovuto a quella parte di cielo senza la quale nulla sarebbe identico a ciò che è.

Prossimo appuntamento sarà il 19 maggio presso il Salone del Libro di Torino.

ABBONATI A CULTURAIDENTITA’

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

20 + venti =