La città, un luogo di identità e di appartenenze rinnovate

0
Foto di Brian Merrill da Pixabay

Baudelaire, poeta della città sovrappopolata, fuggiva dai suoi creditori passando da un caffè all’altro o rifugiandosi in un circolo di lettura. Shelley si compiaceva della brulicante città densa di voci. Dickens si lamentava dell’assenza di rumore nella strada che gli impediva di lavorare.

Si pensa che il grigiore, la tristezza, la monotonia di una città colpiscano le anime meste, relegandole in una solitudine senza sbocco. Può accadere. Ma vi sono anche spiriti liberi e avventurosi che nella città trovano curiosità e stimoli per una loro dimensione esistenziale.

Il filosofo francese Emmanuel Lévinas pensava che era meglio vivere vicino agli uomini che vicino alle cose. Non sopportava la muta e indolente presenza della natura, ma preferiva il ciarliero, confuso, indecifrabile enigma dei volti degli uomini.

Nel mondo alcune anime belle credono di essere libere se vivono lontano da luoghi affollati. Forse temono tumulti o disordini metropolitani. Preferiscono la vita in società semplici e minuscole che l’eterno modello pastorale offre alle loro nostalgie. Sono convinzioni che nascono dall’abbandono a un facile intimismo e che riducono l’esistenza a poca cosa, rinunciando ad attese e volontà che rimangono inespresse.

Nella città esiste una imprevedibile alterità, punti di attraversamento non meno importanti di un radicamento stratificato. Chi pensa ad un salvataggio dall’orrore delle derive esistenziali della città non può trovare conforto nell’ideologia previdenziale di un presunto ritorno alle origini.

Lo spirito delle selve appartiene a coloro che esaltano spontaneità e immediatezza, valori che possono uscire dai confini, per così dire, naturali. Allora la città si ricompone in un luogo di identità e di appartenenze rinnovate.

Articolo precedenteSylvestre, pugno chiuso e Inno di Mameli sbagliato
Articolo successivoArtisti 2020 arte e mercato ieri oggi e domani
Avatar
Laureato in Architettura svolge la sua attività professionale a Milano dove apre uno studio di progettazione e consulenza nel campo edile e, nel contesto di iniziative parallele, si dedica a progetti di allestimenti e comunicazione a livello internazionale. Redige numerose relazioni di ricerca e approfondimento di temi tecnici e scrive libri per associazioni di categoria. Collabora a giornali e riviste con articoli di architettura, con particolare riferimento alla città e allo sviluppo urbano. Partecipa come opinionista a trasmissioni televisive nell’ambito di iniziative volte a descrivere con spirito critico la città nei suoi molteplici aspetti e funzioni. Attualmente sta preparando un libro sulla città globalizzata, sui rischi della perdita della sua identità in quella che la cultura sostenitrice del processo di assimilazione progressiva chiama “residenza disaggregata”.