“Negli USA comanda una banda di sinistra senza arte né parte”

7

ABBONATI A CULTURAIDENTITA’

Sul nuovo numero di CulturaIdentità in edicola da oggi dedicato ai “Profeti inascoltati del Novecento” troverete l’imperdibile intervista di Fabio Dragoni a Maria Giovanna Maglie, già corrispondente degli Stati Uniti e biografa di Oriana Fallaci. L’“americana con la k”, sempre pungente e sincera, non le manda a dire a nessuno: l’Occidente sta morendo, l’America rischia una sconfitta culturale oltre che militare, ha messo al posto di Trump “uno che non si ricorda come si chiama per molte ore del giorno”: Mentre in Italia Mario Draghi, che si è messo l’elmetto in testa, come l’hanno fregato per il Quirinale così possono fregarlo per la NATO, vedi il precedente di quel ministro del Governo Berlusconi che si inventò l’urgenza di intervenire in Libia. E per i giornali una volta amici, come quel dispetto al Foglio di Giuliano Ferrara prima di andarsene…

Tante sorprese su CulturaIdentità: corri in edicola!

ABBONATI A CULTURAIDENTITA’

7 Commenti

  1. Finalmente qualcuno affronta un problema reale senza peli sulla lingua. L’America è scivolata sempre più in mano all’ideologia di sinistra e la democrazia si è sempre più ridotta.

  2. Intanto, la Boldrini, quella che aveva scoperto chi potesse mettere a posto i conti dell’Inps, per dare tranquillità ai futuri pensionati dello Stivale; quella che s’inginocchia a ogni stormir di foglia del suo albero ideologico; quella che guarda tutti dall’alto in basso; quella che ha chiesto a Napolitano, e ottenuto, di poter fruire per le sue private cose delle tenute presidenziali. Quella, appunto, che oltre il suo naso, il suo partito e i suoi interessi, non vede, ha parlato. Contro la Meloni: che secondo la sua fiction personale non sarebbe adeguata a governare gli italiani. Purtroppo per lei, se ne faccia una ragione, a decidere chi deve governare, saranno gli italiani. Appunto.
    Mentre Ursula von der Leyen, nel disegnare l’Europa del futuro – tanto cara anche all’ex presidente della Camera -, parte dagli “Insetti, gender e migranti”. Con la parola “resilienza” che, come una colata di melassa su una torta andata a male, tutto ricopre. Si scrive “resilienza”, insomma, e si legge insipienza. Ma i popoli dell’Europa sapranno mai liberarsi dai satrapi e dai trespoli su cui stanno appollaiati gli ignobili di turno che di questo continente ne vogliono fare una suburra?

  3. la maglie mi mette sempre di buon umore..come sa incartare bene le stupidaggini che dice ..nessn altro giornalista in Italia.. Io chiederei a questo luminare politico ..quale altro paese ha elite politiche consapevoli e valide… In un sefcolo di completa decadenza etica morale e socisale..pretendere classi politiche decenti sembra di essere quello che va a fare il bagno sallsa foce del fiume inquinato..e si lamenta per la sporcizia-..vai maglie..vsai che mi metti sempre di buon umore. PS dimenticao..forse l’unico paese con classi dirigenti valide ..e” la Cina..e lo sta dimostrando da annji

  4. Non reputo la Fallaci quella divina icona che oggi è diventata innalzandola chissà dove. Il suo italiano difettoso non è certo mai stato all’altezza di quello di Montanelli e la sua tendenziosità filoamericana è fin troppo evidente. Basti quel non voler dire o vedere che il terrorismo islamico è stato fomentato, pagato, foraggiato e usato dagli USA salvo poi spesso sfuggir loro di mano come molte altre volte in cose diverse, a dimostrare l’ottusità e scarsa intelligenza degli yankee. E su questo punto, abbiamo prove e controprove. E’ una caratteristica dell’americano medio essere poco intelligente, e quindi la situazione dell’avere simili soggetti al potere è anche colpa del popolo che li ha eletti o li ha lasciati auto eleggersi, il che fa lo stesso. Si dirà che la stessa cosa succede in Europa, ma qui la situazione è diversa, poiché le nazioni europee stanno sotto i piedi degli Yankee, trattate come serve, poiché, giunti in Europa per “liberarla”, non se ne sono mai più andati via. Del resto, ben sappiamo che le masse sono molto meno intelligenti dei singoli, e la massa stolta è lo studio di base dei manipolatori del consenso americano. L’hanno appreso bene anche gli Europei, laddove dimostrano con il loro disprezzo per l’opinione pubblica dei loro paese, quanto poco credano nella democrazia e siano totalitari e dittatoriali pur sotto un immenso manto di ipocrisia, il che sarà prima o poi la loro giusta rovina. Certo, se fosse vivo D’Annunzio così com’era ai suoi tempi di gloria, possiamo ben immaginarci che sarebbe il capo di una rivoluzione assoluta contro americani e loro servi europei.

    • Ma insulsaggini maggiori non le ho mai lette. USA guidano la classifica delle migliori università del mondo avendo tra l’altro la prima e la terza posizione. USA guidano la classifica mondiale dei premi Nobel . USA hanno percentuale di laureati maggiore al mondo. Tutta la tecnologia più avanzata è USA. Hanno il PIL più alto del mondo , sia in termini assoluti che per capita. Ma un po’ di informazione prima di sparare queste fregnacce …

  5. L’America è in guerra con se stessa. Spaccata in due parti tenute assieme dalla volontà di dominio mondiale che verrebbe meno in caso di guerra civile (razziale) interna.
    Ora, lì, il potere è in mano ai promotori della “Cancel culture” che non vedono l’ora di castigare e sommergere gli europei, aiutati in questo da molti europei e, più facilmente, europee.
    I russi non stanno meglio. Festeggiano la guerra contro il Nazismo accusando di nazismo l’Ucraina, promuovendo la loro visione del mondo basata sulla Patria, famiglia, Religione ed etnia, tutti valori che furono proprio del nazismo.
    Questi fuori di testa vogliono coinvolgere gli europei nella loro guerra per il dominio del mondo.
    Gli anglosassoni potevano integrare la Russia in Europa ma questo avrebbe fatto della stessa Europa, un pericoloso concorrente, così preferiscono fare la guerra (anzi farla fare ad altri per loro conto) al fine di distruggerla dividendo l’Europa e accerchiando la Cina salvando l’Australia.
    Noi siamo in grave pericolo e potremmo essere minacciati non solo dalla Russia ma anche dagli attuali alleati se non ci comportiamo bene.
    Gallozzi Ferdinando

  6. io so soltanto una cosa che l’Europa ci ha portato in guerra con il suggerimento degli Usa ed ora noi con le sanzioni e con gli aiuti all’Ucraina ne paghiamo lo scotto!!!!

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui