Un’Europa libera e sovrana, quel sogno infranto di Drieu La Rochelle

0
Maarten de Vos, Il Ratto di Europa, 1570-75, museobilbao.com, opera d'arte fotografata nel pubblico dominio

Recentemente Passaggio al Bosco ha ripubblicato, a distanza di anni, il testo Drieu La Rochelle. Il mito dell’Europa di Adriano Romualdi, Mario Prisco e Guido Giannettini.

Esiste un solco di valori e tradizioni forte abbastanza da generare un blocco comune di popoli europei? Se lo chiedeva Drieu La Rochelle mentre invocava il risveglio degli uomini liberi e soccombeva lui stesso dinanzi alla sua fragilità. Infatti, non era certo il folle malvagio che la critica descrive, sempre pronta ad ostentare giudizi negativi verso il non-conforme.

Tristemente, la storia insegna che il sogno non appare possibile. L’auspicio suo, di Giuseppe Mazzini e dei giovani europei del secolo scorso appare infranto, polverizzato dalla logica neo-liberal dell’unione di banche e finanze odierna. Eppure, siamo certi che l’Europa libera, sovrana e autonoma non fosse utopia e delirio dell’intellettuale francese, piuttosto presagio di rinascita comune.

Un'Europa libera, sovrana e autonoma, quel sogno infranto di Drieu La Rochelle

Pertanto, il viaggio intrapreso nella lettura del testo è condotto sul pensiero e sulla figura umana e fragile del protagonista. Infatti, prerogativa della sua esistenza fu il suicidio ricorrente, tentato numerose volte prima di riuscire, inteso come ammissione del proprio fallimento e pena da pagare per esso. Tuttavia, come spesso accade per i geni, la sua condanna interiore non fu compresa dai più mentre era in vita: i docenti decisero di non ascoltare il grido di aiuto proveniente dai suoi testi, urlato anche attraverso Gilles, libro narrante avventure e disagi del suo io trascritto e sua più grande creatura letteraria.

Tuttavia, duole constatare che, mentre in Francia la sua figura è onorata di indiscussi elogi anche dagli acerrimi oppositori, in Italia il suo personaggio è scarsamente trattato: nel corso degli ultimi anni è certamente da annotare il coraggio de Il Giornale nel rendere omaggio a Drieu La Rochelle.

Pertanto, la speranza è che testi come questo diventino manuali della cultura europea, dato il bisogno dell’ avvento di una fenice culturale che risorga dalle ceneri del nichilismo che ci assedia.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

12 + diciassette =