Anche quest’anno l’Italia brucia: una regia dietro certi incendi?

0

Sabato in provincia di Roma sono divampati 40 incendi; sempre sabato, sul territorio nazionale si sono registrati più di 800 interventi da parte dei Vigili del Fuoco, circa 250 nella sola Sicilia. Domenica, limitandoci al caso di Pescara, leggiamo che “ Brucia la Pineta Dannunziana”; le fiamme hanno raggiunto case e stabilimenti balneari. Si leggono dichiarazioni: incendi per la maggior parte colposi. Si sente una voce nella testa: incendi per la maggior parte dolosi. Eh si…In molti casi è difficile pensare che una semplice cicca possa spostarsi per chilometri e innescare 14 diversi focolai. Intanto è bruciata anche la Sardegna; tutti abbiamo negli occhi il piccolo crocifisso che è stato recuperato; tutti abbiamo nel cuore le immagini del quasi quattro volte millenario olivastro, che per quasi quattro volte mille anni ha dominato la zona di Cuglieri, in provincia di Oristano; è salito al cielo trasformato in cenere e faville. Si legge che forse riuscirà comunque a sopravviverne qualcosa, non più coi suoi ex quasi dieci metri di diametro, ma quella pianta è stata comunque più fortunata degli altri 20.000 ettari di natura che, a causa delle medesime fiamme, non ci sono più. La popolazione locale si è mobilitata per il “Patriarca”, immagine splendida, di speranza, di onore, di amore. Ma l’Italia brucia, come tutti gli anni brucia. Tutti gli anni sembra quasi che dietro certi incendi ci sia una strategia, una regia: troppe casualità, troppe coincidenze…E continua a girare quella voce nella testa: incendi per la maggior parte dolosi, pianificati. Non che manchino organizzazioni criminali ben ramificate ovunque, in questa nostra disgraziata Italia, e che magari cercano di mandare dei messaggi. Questa fastidiosa vocina si fa strada ogni estate. Poi c’è anche un’altra voce, lontana e profonda, che dice: in Italia c’è tensione, in Italia ci sono 70 milioni di persone molto tese! Il ruolo dello Stato è quello di organizzare la convivenza fra i cittadini; altro suo ruolo è quello di mantenerli nel maggior benessere possibile. E se lo Stato lo volesse, la vocina dice che i boschi non brucerebbero più. Vocina maliziosa…

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

13 + quattro =