ASACERT valuta il patrimonio di Forte dei Marmi

0
In questi giorni ASACERT si unisce alla Giornata nazionale del risparmio energetico e degli stili di vita sostenibili (che cade oggi, 16 febbraio), lavorando per diffondere una cultura della sostenibilità ambientale e del risparmio delle risorse. CulturaIdentità propone ai suoi lettori l’articolo di Benedetta de Fabritiis comparso sul numero 50 in edicola in cui si racconta come ASACERT nel suo ventennale abbia effettuato una approfondita stima assicurativa per la rinomata località toscana di Forte dei Marmi.

La storia di Forte dei Marmi si intreccia con quella romana, nel suo attuale tenimento passava, infatti, la strada detta più tardi «delle Mordure», che rappresentava uno degli assi della centuriazione romana. Più tardi La Via di Marina, nel XV secolo collegava l’entroterra montano a un approdo situato tra la Torre del Cinquale e la Fortezza di Motrone. Agli inizi del XVI secolo viene realizzato un nuovo tracciato verso la costa. La costruzione della nuova strada — l’attuale Via Provinciale – è voluta da papa Leone X, della Signoria Medicea, ed eseguita dallo scultore Donato Benti, collaboratore di Michelangelo Buonarroti. Le merci vengono trasportate su carri trainati da buoi fino alla spiaggia e qui caricate sui navicelli per mezzo di chiatte o trainando in secca i bastimenti con i buoi. Agli inizi del 1800 nascono le prime abitazioni: Forte dei Marmi, allora solo un piccolo villaggio alle dipendenze di Pietrasanta, è sede del nevralgico scalo marittimo dei marmi, da cui dipende larga parte del territorio. L’intenso traffico commerciale, ora aperto anche a materiali di vario genere e derrate alimentari, rende necessario il restauro di Via Nuova di Marina. Il progressivo incremento dell’attività, porta un notevole aumento di abitanti nel paese, che nel 1822 conta trecento anime, per lo più persone addette alla marineria. Il 1914 è un anno decisivo: Forte dei Marmi ottiene il distacco dal comune di Pietrasanta e diviene comune autonomo; resta, a testimonianza del legame storico e culturale tra le due cittadine, la fontana sulla centralissima Piazza Garibaldi, con lo stemma di Pietrasanta ancora ben visibile.

Oggi, Forte dei Marmi è un comune italiano di 7.133 abitanti della provincia di Lucca in Toscana. Località marittima di villeggiatura affacciata sul Mar Ligure, prende il nome dal fortino che sorge proprio al centro della città, voluto dal granduca Leopoldo a difesa dell’approdo, e dai marmi che dalle Alpi Apuane, poco distanti, venivano trasportati fino al pontile per poi prendere la via del mare. 

ASACERT, ente di Certificazione, Ispezione e Valutazione, ha svolto per il comune di Forte di Marmi il servizio di valutazione e stima ai fini assicurativi, attraverso un’analisi altamente professionale, finalizzata a determinare la valorizzazione dei principali beni immobili cittadini. I tecnici specializzati di ASACERT hanno eseguito la valutazione di una serie di edifici, ripartiti fra strutture di recente o moderna costruzione e complessi storici, tra cui il Palazzo Municipale di Piazza Dante, prima, sede delle scuole elementari e poi del Liceo, attualmente sede municipale.

Ogni attività di valutazione viene personalizzata sulla base delle caratteristiche del singolo bene da valutare per migliorare la comprensione del valore reale del bene stesso. ASACERT, tramite la propria divisione di ingegneria assicurativa, costituita da un pool di tecnici esperti in materia, offre ai propri clienti un servizio di valutazione e stima ai fini assicurativi imparziale e, requisito essenziale, riconosciuto dalle compagnie di assicurazione. ASACERT, celebra 20 anni di attività quest’anno, un traguardo importante, segno di costante impegno e serietà nei confronti del mercato affermandosi, con oltre 5.000 stime all’attivo, come ente di riferimento per le maggiori compagnie assicurative. ASACERT ha visto riconfermare il Rating di Legalità dall’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato, a conferma dell’impegno in termini di qualità, responsabilità sociale, legalità e trasparenza.3

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

5 + 20 =