“Giuseppe Campese. Luce Poetica”. La mostra a Casale Monferrato

0

Oggi alle ore 17,30 apre i battenti a Casale Monferrato la mostra “Giuseppe Campese. 1924-2024. Luce Poetica”, realizzata in occasione del centenario della nascita del Maestro casalese, mancato nell’agosto 2000.

La Sala Marescalchi del Castello del Monferrato ospiterà fino al 21 luglio 2024 un allestimento strutturato in base a quattro sezioni differenti, riconoscibili dalla colorazione dei pannelli che supporteranno le opere pittoriche: la prima dedicata alle opere giovanili realizzate negli anni ’60 e ’70; la seconda con le vedute naturali e i paesaggi urbani, collinari e montani, la terza si concentrerà sulle opere realizzate in studio spaziando dai ritratti, alle composizioni floreali, alle nature morte; l’ultima sezione sarà, infine, dedicata alle opere realizzate negli anni ’90.

Il percorso espositivo prevede, inoltre, un excursus dedicato a Nino (Giovanni) Campese, padre del protagonista e anch’egli artista, e all’omonimo nonno che, pur non praticando professionalmente l’attività artistica, ha aperto la via alle future generazioni di Maestri.

Un video a disposizione del pubblico, infine, proietterà le immagini dell’artista e alcuni interventi di Grazia e Cristina Campese, figlie del pittore e curatrici dell’iniziativa, così da avere una visione completa di Giuseppe Campese sia come artista che come uomo.

Allievo di Cesare Maggi, Giuseppe Campese, terminati gli studi comincia subito la sua lunga carriera di pittore, che si accompagnerà a quella di apprezzato restauratore, realizzando moltissime opere, principalmente ad acquarello e a olio, ed esponendo in numerose mostre personali e collettive in Italia e all’estero: a partire dalla Biennale d’arte dell’Accademia filarmonica di Casale Monferrato nel 1949, fino a Milano, Pavia, Torino, Genova e Copenhagen, Parigi, Buenos Aires, New York. Nonostante condivida con il padre l’amore per il mestiere e l’educazione al gusto e al colore, l’influenza di Nino non è direttamente percepibile nella pittura di Giuseppe, che dedica tutta la vita al mondo artistico in cui è stato allevato senza mai lasciarsi contaminare, però, né dallo stile personale del padre né dalle mode pittoriche del momento, restando leale soprattutto a se stesso e alle sue inclinazioni interiori.

La mostra sarà aperta gratuitamente al pubblico nelle giornate di sabato e domenica dalle 10,00 alle 13,00 e dalle 15,00 alle 19,00.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

5 + 16 =