Lecce. Adriana Poli Bortone al ballottaggio, per un pugno di voti

0

Il riconteggio aveva confermato: Adriana Poli Bortone ha sfiorato l’elezione a sindaco di Lecce con il 49,95% dei voti. Ma per sole 24 schede non è stata eletta prima cittadina di Lecce. Dunque domani il ballottaggio. Le polemiche sono seguite immediatamente, per uno scrutinio lento, con circa 2.200 voti di 4 sezioni su 102 mancanti, in cui erano state segnalate alcune incongruenze nei verbali redatti dai presidenti. Terminato il riconteggio delle schede elettorali di queste 4 sezioni è stato confermato l’incredibile risultato: al ballottaggio andranno la candidata del centrodestra, Adriana Poli Bortone e il candidato del centrosinistra, il sindaco uscente Carlo Salvemini, che ha preso invece il 46,3 per cento.

La Poli Bortone è già stata sindaco di Lecce nel 1998 e poi riconfermata nel 2002 con un larghissimo consenso. Al termine del suo secondo mandato è stata nominata vicesindaco dal suo successore, Paolo Perrone. Ora è a un soffio dal suo terzo mandato nel capoluogo del Salento. Fra i molti punti del suo programma, in particolare la difesa dell’identità e della storia di Lecce e dei leccesi come italiani: “Occorre rispetto per certi luoghi, come la Casa del Mutilato. Un luogo che ha la sua storia, la sua identità, un suo percorso. Quel palazzo dovremmo indicarlo a figli e nipoti per far capire loro cos’è la storia della nostra città e dell’Italia. Se non abbiamo storia non abbiamo radici, non abbiamo appartenenza, non riusciamo ad avere l’orgoglio delle nostre cose”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

19 − quattro =