“Guerra”, in Italia il primo degli inediti di Céline

0

ABBONATI A CULTURAIDENTITA’

Dopo aver venduto più di 150.000 copie in Francia arriva in Italia per le edizioni Adelphi e nella traduzione di Ottavio Fatica il primo degli inediti di Louis-Ferdinand Céline rocambolescamente emersi nell’estate del 2021 e pubblicati da Gallimard nel corso degli ultimi due anni. Guerre, questo il titolo editoriale scelto dai curatori dell’edizione francese dal momento che Céline non diede un titolo esplicito al brogliaccio, si apre con una descrizione angosciante e realistica del protagonista Ferdinand che riprende conoscenza su un campo di battaglia della prima guerra mondiale, sovrapposizione dell’esperienza reale del corazziere Destouches ferito in azione ad un braccio a Poelkapelle nella valle del Lys nel 1914 e del suo vagare da un ospedale campale all’altro e del terrore di subire l’amputazione dell’arto offeso. Pagine che restituiscono lo stordimento e l’orrore davanti alla guerra, quella che “era tutto quello che non si capiva” del Viaggio al termine della notte, e che proseguono poi, da incontri con infermiere necrofile a prostitute e relativi magnaccia alla partenza per Londra – altro elemento biografico, che ritornerà nei suoi romanzi Guignol’s Band I e II -, nel grottesco céliniano che i suoi lettori ben conoscono e che ora possono riscoprire, insperata fortuna, in questi inediti, tutti di futura pubblicazione sempre per Adelphi, operazione editoriale di grande rilevo anche vista la tiratura di Guerra, che appare ragguardevole.

Ottavio Fatica, già traduttore con Eva Czerkl de Il dottor Semmelweis di Céline, sottolinea poi nella sua nota del traduttore in appendice la difficoltà del suo compito non solo data la usuale “esuberanza lessicale e sconquasso di sintassi” céliniane ma anche visto lo stato di prima stesura del manoscritto. Come da sua abitudine d’artigiano della parola, il testo sarebbe stato infatti cesellato più e più volte dalla penna di Céline e dall’occhio della sua segretaria Marie Canavaggia prima di essere inviato all’editore, e con la massima insistenza di non cambiarne parola o virgola!

Ma la potenza dello stile di Céline in Guerre coinvolge subito il lettore, portandolo anche sopra quei vuoti o incongruenze della trama dovuti appunto al ricordato stato di primo getto del manoscritto. La comparazione del suo stile con le prime opere céliniane porta a confermare la tesi dei curatori francesi che colloca la redazione di Guerra come posteriore al Viaggio: il suo ritmo, la sfrenata sessualità, la spinta surreale lo avvicinano infatti più alla scrittura di Morte a credito, pubblicato in Francia nel 1936 e in Italia solo nel 1964 e con molti passaggi censurati come nella prima edizione francese, dove in realtà le parole o frasi ritenute troppo ardite dall’editore Denoël  furono coperte da spazi bianchi su suggerimento di Céline stesso, in modo che il lettore potesse dare libero e voyeuristico sfogo alla sua fantasia.

LEGGI ANCHE: Clamoroso! Trovati manoscritti inediti di Louis-Ferdinand Céline

Come scritto su “Le Figaro Magazine” del 26 maggio 2023 dal biografo céliniano Frédéric Vitoux i manoscritti di Guerre e Londres, seppur intesi da Céline più come banco di prova che dei romanzi compiuti, sono poi di enorme interesse per studiare l’evoluzione stilistica, lo sforzo di ricerca e la transizione di Céline dal francese macchiato di argot del Viaggio al termine della notte alla comparsa dei suoi famosi puntini di sospensione in Morte a credito e oltre: vi si vedono i tentativi di uno scrittore che vorrebbe spingersi più in là di quanto scritto in precedenza e che ci riuscirà qualche anno dopo con la “scrittura emozionale” portata a compimento nella Trilogia del Nord.

ABBONATI A CULTURAIDENTITA’

– Una recensione di Guerra di Céline è uscita ieri sulle pagine del quotidiano il Giornale a firma di Andrea Lomabardi

Articolo precedenteLa voce libera e pluralista di Paolo Petrecca
Articolo successivoIl Foro Italico, identità e genio nella Storia
Andrea Lombardi
Andrea Lombardi, appassionato di storia e letteratura del Novecento, è direttore dell’Associazione Culturale Italia Storica. Curatore del primo sito italiano tutto dedicato a Louis-Ferdinand Céline, tra le ultime opere da lui curate ricordiamo Louis-Ferdinand Céline. Un profeta dell’Apocalisse (Milano, 2018; ed. economica: 2021), Céline contro Vailland (Massa, 2019), Nausea di Céline di Jean-Pierre Richard (Firenze, 2019), Louis-Ferdinand Céline. Il cane di Dio di Jean Dufaux e Jacques Terpant (Milano, 2018), La morte di Céline di Dominique de Roux (Roma, 2015; Firenze 2022) e Céline ci scrive (Roma, 2011) http://www.bietti.it/author/andrea-lombardi/

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

18 − 13 =