In Brianza e nel Varesotto i valori di CulturaIdentità fanno cappotto nella provincia

0

Nelle lista dei tanti comuni italiani al voto nella recente tornata elettorale si sono trovate anche alcune città aderenti al progetto della rete identitaria lanciato da #CulturaIdentità: in Lombardia, è il caso di Busto Arsizio e Besano, entrambe in provincia di Varese. Nel piccolo comune frontaliero, la lista “Besano Ideale” guidata dal giovane sindaco uscente Leslie Giovanni Mulas è stata premiata dagli elettori con un incremento rispetto alla scorsa tornata elettorale, arrivando ad ottenere il 72%dei voti. “Grazie a consiglieri, dipendenti comunali, volontari e associazioni che hanno lavorato con noi e con le quali organizzeremo sempre più momenti comunitari.  Avanti per altri 5 anni!”, commenta il primo cittadino. A Busto Arsizio il sindaco uscente Emanuele Antonelli vince al primo turno con il 55% di preferenze: “Poter indossare la fascia tricolore è un privilegio confermato dalla fiducia espressa alle urne che mi rende orgoglioso e motivato a fare bene per la nostra Busto. ”Tuttavia, è in Brianza che la coalizione di centrodestra fa il pieno di voti, con un exploit incredibile del partito di Giorgia Meloni, con percentuali del 19% in alcuni comuni: a Vedano eletto sindaco Marco Merlini, a Limbiate ottimo risultato con Romeo Sindaco, che ha totalizzato il 71% dei voti. Vittorie a Varedo, Biassono e risultati incoraggianti in attesa del ballottaggio a Seveso, Vimercate, Desio, con Simone Gargiulo, che invita tutti ad un ultimo sforzo per la rinascita della città, ed Arcore, dove il candidato Maurizio Bono, forte del 45% dei voti, ha dichiarato: “Grazie per aver condiviso il nostro progetto di cambiamento. Il 17 e 18 Ottobre resta un ultimo sforzo: mi rivolgo anche agli astenuti del primo turno e alle voci libere. Voltiamo pagina!”. Da non dimenticare anche il grande risultato di Chiara Valcepina che, nonostante la penosa macchina del fango messa in moto a due giorni dal voto, entra in consiglio comunale a Milano, risultando il terzo candidato più votato di FdI. Al netto delle considerazioni generali sulle amministrative, questi dati invitano a riflettere sull’esistenza di un mondo di Provincia che, legato ai valori “strapaesani” di cultura e identità, riesce a formulare una proposta politica convincente, con amministratori competenti e capaci di muoversi concretamente a favore di progetti culturali forti e liberi, che non soffrano alcun complesso di inferiorità nei confronti dell’establishment imperante delle sinistre arcobaleno.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

quindici + 16 =