Una Banca per lo Sport e per la Cultura del Paese

0

L’Istituto per il Credito Sportivo è un importante punto di riferimento per questi due settori strategici

L’Istituto per il Credito Sportivo è l’unica fra le 500 banche pubbliche del mondo, ad occuparsi prettamente di due settori, due passioni, che ogni giorno muovono il Paese: lo Sport e la Cultura. Fin dalla sua fondazione ha lavorato per favorire la diffusione della pratica sportiva, di base e professionali, in tutti i Comuni italiani finanziando la realizzazione di strutture che sono diventate poi centri di socialità. Nel 2005 ha ampliato il suo ventaglio di offerte aprendosi alla Cultura, settore nel quale si occupa particolarmente della conservazione e valorizzazione del patrimonio archeologico nazionale.

In sinergia con l’ANCI, l’impegno di ICS si concretizza con la pubblicazione del bando “Cultura Missione Comune 2022”, dedicato a Comuni, Città Metropolitane, Province e Regioni intenzionate ad investire nella riqualificazione e nella valorizzazione dei luoghi di Cultura. Un’iniziativa, rivolta particolarmente alle Regioni meridionali, che ha previsto la stanziamento di ben 25 milioni di euro grazie ai contributi messi a disposizione dal Comitato Gestione Fondi Speciali ICS. L’obiettivo è quello di valorizzare l’arte, l’archeologia, l’immenso patrimonio culturale e storico del Paese mettendo al servizio della collettività l’esperienza maturata in oltre sessant’anni di attività che ha permesso al Credito Sportivo di conoscere il territorio e le sue sfaccettature. L’Istituto inoltre è entrato da qualche anno nel settore cinematografico contribuendo alla realizzazione di film e documentari grazie ad una serie di accordi come per l’esempio la Convenzione firmata con la Direzione Generale Cinema e Audiovisivo del MIC che ha l’intento di supportare i produttori e tutto il cinema italiano con soluzioni finanziarie flessibili e coerenti con i bisogni del settore, inteso come forma di valorizzazione del patrimonio culturale del Paese.

Inoltre, ICS ha sempre prestato particolare attenzione alle Regioni carenti di impianti sportivi investendo nella realizzazione di nuove strutture al servizio della collettività oltre che delle Federazioni. I centri sportivi che negli anni sono sorti nel Paese permettono a migliaia di sportivi di praticare la propria attività: dal calcio al golf, dal nuoto al tennis passando per il basket e il volley. A questi vanno aggiunti i “grandi impianti” realizzati per essere destinati a centri di preparazione olimpica, dove nascono i campioni del domani. Grazie a questi finanziamenti, migliaia di enti pubblici territoriali e società private hanno effettuato la riqualificazione, l’adeguamento, la messa a norma degli impianti preesistenti nonché la costruzione di nuove efficienti strutture ecosostenibili, migliorando sensibilmente l’offerta del proprio territorio.

Il filo diretto che l’Istituto per il Credito Sportivo ha avviato con le Federazioni sportive permette ad ogni società affiliata di poter accedere a un ventaglio di proposte per ammodernare i propri impianti, per acquistare nuove attrezzature utili alla migliore pratica della disciplina. Attraverso i protocolli d’intesa firmati con gli organi federali, l’Istituto esplicita il suo ruolo di banca sociale per lo sviluppo sostenibile dello Sport garantendo un’equa distribuzione delle risorse in tutto il Paese, permettendo ai giovani di praticare le discipline che più amano in centri sportivi all’avanguardia, inclusivi e che siano del tutto privi di barriere architettoniche.

L’Italia negli ultimi anni ha raggiunto risultati sportivi storici. Basti pensare al 2021, l’anno che ha visto splendere il tricolore: il record di medaglie raggiunto nel corso dell’Olimpiade e nella Paralimpiade di Tokyo, la vittoria degli Europei di Calcio, la vittoria degli Europei maschili e femminili di volley passando per lo storico risultato ottenuto da Matteo Berrettini, la prima volta nella storia di un tennista che raggiunge la finale del torneo di Wimbledon. Un anno che ha messo in luce il cuore, i sacrifici e il talento dei giovani italiani che hanno portato lustro all’intero Paese. Ed è motivo d’orgoglio constatare che i centri sportivi e di preparazione olimpica supportati dal Credito Sportivo, grazie ad un accordo di collaborazione con il Coni, siano stati un trampolino di lancio per i tanti atleti italiani.

L’impegno di ICS non è rivolto solamente ai professionisti ma soprattutto ai tanti appassionati che ogni giorno animano i centri sportivi di tutta la nazione. Impianti sportivi che rappresentano i primi centri di socialità e aggregazione rivolti sia ai più giovani che agli adulti. Finanziare un settore simile significa favorire la crescita umana della collettività intervenendo nei territori, anche quelli più piccoli e remoti. Un campo di calcio, un palazzetto riqualificato ma anche una piscina attrezzata sono fondamentali per il benessere della collettività. Lo Sport non è solo una distrazione ma è passione, formazione, crescita. Valori che il Credito Sportivo ha ben chiari nella propria mission e che intende perseguire in ogni suo finanziamento. Per questo ICS può essere considerata una banca con un’anima irreversibilmente sociale che tiene quindi in forte considerazione il ritorno sul territorio dei propri investimenti.

ABBONATI A CULTURAIDENTITA’

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

quindici + tre =