LE BUGIE PARTIGIANE DI BARBERO AL FESTIVAL DELLA MENTE

6

Non ne possiamo più di storici come Barbero, invitati negli anni al Festival della Mente per raccontare tutta la storia del mondo, da quella medievale fino a quella contemporanea, quasi che nel mondo scientifico non esistessero delle competenze specialistiche tali da rendere impossibile agli storici di occuparsi di tutto lo scibile vissuto dall’uomo. Ormai Barbero è l’appuntamento che il pubblico attende come lo Spritz della sera, buono bianco, con il campari o aperol, a seconda dei gusti, ma sempre con l’orgoglio di avere la tessera del partito comunista con la firma di Berlinguer. Niente di male per carità, perché ognuno ha il diritto di essere orgoglioso per quel che gli pare, ma quello che ci attendiamo da anni è che il Festival della Mente faccia cultura grazie al confronto, invece, qualsiasi sia il tema, la visione è sempre a senso unico. Ho molto apprezzato come il sindaco di Sarzana Cristina Ponzanelli ha gestito nei giorni scorsi il centesimo anniversario dei Fatti del 21 luglio del ’21, partecipando e garantendo, nei vari appuntamenti, la pluralità del dibattito, andando anche per alcuni aspetti contro parte della sua maggioranza. E’ questo lo stile che vorremmo da un’istituzione pubblica e da chi si occupa della direzione artistica di un festival. Invece, nel momento in cui si cerca di compiere un revisionismo o del riduzionismo vergognoso, alla Montanari, ecco che Barbero ci racconta sulla stampa nazionale che: “il Giorno del Ricordo è una tappa di una falsificazione storica”. Consiglio a Barbero e a tutti quelli che lo seguono di riascoltare il discorso del Presidente Mattarella di due anni fa nella giornata dedicata alle vittime di quelle barbarie e in particolare un passo: “Non si trattò come afferma qualche storico revisionista o riduzionista di una ritorsione ai torti subiti dai fascisti perché tra le vittime ci furono uomini, impiegati, operai e prelati quanto più lontani dal fascismo e fino anche militanti comunisti, verso cui si riversò un odio intollerabile etico e sociale…” Uno storico che afferma: “i partigiani titini stavano dalla parte giusta e i loro avversari, per quanto in buona fede, stavano dalla parte sbagliata.” non afferma una convinzione frutto della ricerca e della libertà di pensiero ma un falso con cui un qualsiasi studente verrebbe invitato a tornare un’altra volta a ridare l’esame di storia contemporanea. L’auspicio per la prossima edizione è quello di invitare, se non un contradditorio che capisco non rientri nello stile del Festival , almeno qualche storico che, come scrive Maurizio Crippa vice direttore del Foglio, riferendosi alle risposte all’intervista di Barbero a Il Fatto quotidiano come “ .. ubriacatura ideologica. Un’intervista al barolo, si sarebbe detto un tempo, oggi più banalmente un’intervista al Barbero.”

(Portavoce Nazionale CulturaIdentità)

CLICCA QUI E SOSTIENI LA NOSTRA VOCE LIBERA

6 Commenti

  1. Commentando le dolorose pagine di quel periodo e’ ora che diamo credito anche al patriottismo della X Mas.
    Gli americani erano al corrente degli accordi tra gli Inglesi e Tito che avrebbero permesso a questo di arrivare sino a Venezia prima di essere fermato.
    A questo punto su richiesta degli americani Borghese sposto la X dalle valli del Cuneese alle sponde del Tagliamento dove si immolarono assieme ai partigiani “Bianchi” e quelli di “Giustizia e Liberta”senza indietreggiare ed impedirono a Tito di portare a fine i suoi piani.
    Non e’ piu una questione di fascisti o partigiani ma invece un atto di rispetto il ricordo di questi giovani, tra i quali molti spezzini che diedero la vita per la salvaguardia del suolo nazionale.

  2. Sarebbe il caso che quanti fanno bla bla in TV (politici, infettivologi, virologi e quanti altri ‘logi’ volete) si andassero a leggere la definizione di “vaccino” su una buona enciclopedia. Dopo, forse, la smetteranno di parlare di “vaccino” che, a detta di loro stessi, non evita l’infezione, ma si limita a ridurre gli effetti. A parte il fatto che prima di inoculare un “vaccino” bisogna fare anni di sperimentazione, che non si fanno vaccini durante una pandemia, non vi sembra strano che il giorno dopo l’emissione dello “stato di pandemia” le industrie farmaceutiche avevano già pronto il “vaccino”? Chi vuol essere lieto sia, di fregate non v’è certezza!

  3. La XMas fu ,anzi e’lo, uno degli esempi piu belli dell amor di Patria……se Junio Valerio Borghese ,îl nostro Comandante x antonomasia fosse riuscito nel Dicembre ’70 ,l ‘Italia ora sarebbe piu’bella,seria e rispettata nel mondo
    Onore Decima!

  4. Barbero ha parlato di “CONTESTUALIZZAZIONE”. Qualcosa che chi rivendica chiarezza e condanna la faziosità, dovrebbe ben tenere a mente. Non è un caso che il giorno della memoria venga strenuamente portato avanti dalla destra nostalgica; la stessa che rifiuta il 25 Aprile e parla di eccidi partigiani isolati dal contesto della guerra. La storia è una cosa seria, non un fatterello senza nesso né sfondo. Parlereste mai della battaglia di Waterloo senza menzionare le precedenti imprese di Bonaparte? Parlereste mai del sacco di Roma, senza far capire al vostro interlocutore quanto grande è forte fosse l’impero? Fatemi il piacere!

  5. Per farla più semplice, dopo le recenti dichiarazioni e dubbi di Barbero sull’obbligo vaccinale, è partita la macchina del fango. Non vi conosco e forse siete sempre stati critici con lui e quindi lineari. Ci pensano poi gli algoritmi dei motori di ricerca a rendervi particolarmente visibili. Capite cosa intendo, vero? Capite come tutti possiamo essere strumentalizzati?

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

11 − dieci =