Parte oggi a Loano il Festival Città Identitarie: raccontiamo la provincia italiana

0

A Loano dal 22 al 24 agosto si chiude l’edizione 2023 dei Festival delle Città Identitarie

PROGETTO CITTÀ IDENTITARIE

Dopo il successo di Potenza e di Trino nel vercellese si chiudono a Loano dal 22 agosto i Festival 2023 delle Città Identitarie. Il progetto Città Identitarie, organizzato da RG Produzioni con la Fondazione Città Identitarie ETS, mette in rete centinaia di Comuni italiani e ha come scopo quello di valorizzare la storia, l’arte, la cultura, il made in Italy e i simboli identitari delle città e dei borghi di ogni territorio italiano, dando vita a nuovi percorsi culturali attraverso un circuito di eventi e festival che sappiano rilanciare, anche con un linguaggio contemporaneo, piazze, strade, musei, monumenti, teatri, cinema e tutti quei luoghi di aggregazione delle comunità. Un nuovo circuito per raccontare l’Italia più bella, quella più piccola delle nostre cittadine di provincia, che rappresentano il 90% dei 7901 Comuni dello Stivale. Un progetto di aggregazione alternativo che in un mondo globalizzato vuole rilanciare la provincia diventando un modello esportabile in tutta Europa nel solco del nuovo immaginario italiano.

FESTIVAL

Attraverso i Festival delle Città Identitarie, che hanno già ospitato negli anni grandi nomi come Pupi Avati, Enrico Ruggeri, Giancarlo Giannini, Gabriele Lavia, Marcello Veneziani, Francesca Barbi Marinetti, Luca Palamara, Vittorio Sgarbi, Serena Bortone, Santo e Giusy Versace, Povia, Jago e tanti altri, sono diretti da Edoardo Sylos Labini: le Città della Fondazione raccontano le proprie radici culturali e artistiche facendo conoscere la propria Storia e i propri simboli identitari attraverso spettacoli, presentazioni di libri, concerti e momenti di dibattito.

Dal 2018 le edizioni dei Festival si sono svolte a: San Vito dei Normanni (BR), La Spezia, Anagni (FR), Casale Monferrato (AL) a Senigallia (An) e Vibo Valentia. Questa estate in giugno a Potenza e in luglio a Trino (VC)

LOANO IX FESTIVAL

La IX edizione del Festival delle Città Identitarie si terrà a Loano da martedì 22 agosto a giovedì 24 agosto nella centrale piazza Italia.

Il Festival è sostenuto dal Ministero della Cultura, dal Centro per il Libro e la Lettura, da Regione Liguria ed il Comune di Loano, con la partnership dell’Istituto per il Credito Sportivo e RAI News 24.

La manifestazione, ideata e condotta come sempre da Edoardo Sylos Labini, si svolgerà nel cuore del comune ligure ad ingresso gratuito senza bisogno di prenotazioni.

MARTEDI’ 22 AGOSTO ore 21.30

Gabriele Cirilli

Insieme al direttore di CulturaIdentità, sul palco della prima serata salirà la band diretta dal maestro Valeriano Chiaravalle con la straordinaria voce di Arianna, la comicità di Gabriele Cirilli, che interpreterà una famosa maschera del Carnevale loanese, la conduttrice – nata e cresciuta proprio in città – Elena Ballerini, già protagonista di Tale e Quale Show, il regista Giorgio Molteni, che porterà il saluto di Shel Shapiro – che proprio nei giorni scorsi ha compiuto 80 anni e da anni vive in questo borgo marittimo – ed il campione di sub estremo Andrea Bada.

Elena Ballerini

Il giovane e appassionato sindaco Luca Lettieri farà viaggiare gli spettatori nei simboli identitari della sua città: dalla famiglia Doria ai palombari, dai caruggi alla casa natale della mamma di Giuseppe Garibaldi, l’Eroe dei due Mondi.

MERCOLEDI’ 23 AGOSTO ORE 19

La seconda giornata inizierà alle ore 19 nel Ridotto dei Giardini del Principe con la rassegna Leggere le Città Identitarie e la presentazione del libro sul Manifesto della Ceramica Futurista, che in queste zone diede vita alla sua splendida produzione. A parlare di arte e design la nipote del geniale fondatore del movimento Futurista, Francesca Barbi Marinetti, moderata dal critico e giornalista Paolo Asti, già assessore alla Cultura del Comune di La Spezia.

MERCOLEDI’ 23 AGOSTO ORE 21.30

La sera in Piazza Italia si svolgerà il concerto del cantautore Daniele Stefani: Corde d’Italia è un omaggio all’Italia ai cantautori Genovesi e liguri, da Tenco a Gino Paoli, da De Andrè a Ivano Fossati, da Bruno Lauzi a Bindi. Un viaggio musicale emozionante di Daniele Stefani con la sua band e con un ospite speciale, la voce latinoamericana di Pamela D’Amico che renderà ancora più unica la serata.

GIOVEDI’ 24 AGOSTO ORE 21.30

Magdi Cristiano Allam

Il 24 agosto Sylos Labini dal palco di piazza Italia alle 21.30 condurrà l’ultima serata del Festival, che vedrà protagonista nella prima parte il Presidente della Regione Liguria Giovanni Toti: una chiacchierata sul turismo ligure oramai nei primi posti della classifica delle località di vacanza in Italia. Con il Direttore di CulturaIdentità salirà poi sul palco un’altra firma controcorrente del giornalismo italiano, il vice direttore de Il Giornale Francesco Maria Del Vigo. Nella seconda parte della serata, accompagnati dalla melodie mediterranee ed arabe dei Dounia, spazio all’incontro-scontro tra Occidente e Oriente proprio nella città dell’ammiraglio Doria, che guidò le flotte nella famosa Battaglia di Lepanto. Protagonista lo scrittore egiziano convertito al cristianesimo Magdi Cristiano Allam, intellettuale coraggioso che da anni vive sotto scorta per aver mosso critiche all’integralismo islamico. Con lui sul palco anche il vescovo di Ventimiglia-Sanremo mons. Antonio Suetta, che della libertà di pensiero contro ogni omologazione ha fatto spesso la sua battaglia.

Tre giornate di spettacolo e confronto da non perdere.

Per info [email protected]

ABBONATI A CULTURAIDENTITA’

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

quattro × uno =