Metaverso, tecnologia, astrazione: Giancarlo Flati e Remo Carradori in mostra a Roma

0
Giancarlo Flati, Portale di luce e di tempo,tecnica mista su tela, 2021

ABBONATI A CULTURAIDENTITA’

Il 6 dicembre 2022 ha preso il via la mostra Metaverso, tecnologia, astrazione presso Impact Art di Roma, che vede la partecipazione dei Maestri di fama internazionale Remo Carradori e Giancarlo Flati. Nella loro pratica artistica, l’astrattismo diviene il campo di confronto tra due poetiche, quella emotiva, segnica e introspettiva di Carradori e quella de “L’Albero di MABits”, tramite la quale Flati sgretola i limiti tra Arte, Scienza e Tecnologia contemporanea. Nello sterminato campo della Cripto Art, NFT, video computerizzati, realtà parallele, i due artisti riflettono sulle nuove tecnologie, fornendo la loro speculazione. Nell’atto di sfogliare la produzione di Carradori si nota come aderisca ad un espressionismo in prevalenza astratto, senza rinunciare del tutto alla raffigurazione del reale. Elementi rimandanti alla dimensione del tangibile spiccano all’interno delle sue entropiche superfici, come semplici ma efficaci escamotage comunicativi. Carradori si avvale di codici segnici e tonali, nella maggior parte dei casi riconducibili ad esperienze esistenziali e spirituali. L’attuale ricerca di Giancarlo Flati è rivolta invece all’esplorazione del paradigma olografico e dell’olomovimento della materia, mediato dalle forme topologiche dello spazio-tempo. Flati, più volte presente con le sue opere alla Biennale di Venezia, ha fondato una nuova corrente artistica volta a promuovere un processo creativo che possa condurre alla realizzazione di un rifondato Umanesimo. Entrambi i Maestri sono catalogati nell’autorevole “Atlante dell’Arte Contemporanea”.

Informazioni sulla mostra:
Apertura 6-23 dicembre 2022/9-23 gennaio 2023
Ingresso libero, dal lunedì al venerdì, ore 17.00-19.00
Impact Hub, via Palermo 41, Roma

ABBONATI A CULTURAIDENTITA’

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui