La sicurezza del patrimonio culturale, un valore che non può attendere

0

Nasce la rubrica Sicurezza del Patrimonio Culturale che sarà curata dall’architetto Fernando Cordella presidente dell’Associazione Professionisti per la Prevenzione e le Emergenze dei Vigili del Fuoco, realtà associata a Cultura identita. La rubrica si occuperà di informare i nostri lettori sulla sicurezza del patrimonio culturale del Paese in “ordinario” (sicurezza in caso di incendio, sicurezza antropica, prevenzione rischio simico) ed in emergenza.
Per Cordella i rischi naturali e antropici verso i nostri monumenti sono in continuo aumento, come anche gli incendi verso il nostro patrimonio boschivo ecco perché dobbiamo affrontare questo argomento in un ottica di prevenzione e di informazione preventiva.
La sicurezza del patrimonio culturale composta da palazzi storici, musei, biblioteche, archivi e boschi secolari deve essere garantita da una ponderata e sempre aggiornata valutazione dei rischi connessi al tempo, alle attività, alle persone e alle opere che sono esposte saltuariamente che permanentemente.
La resilienza del patrimonio culturale nei confronti del cambiamento climatico deve mirare a definire una modalità nuova e partecipativa per fare fronte alla fragilità dei siti culturali del Paese sempre più esposti alle mutate e piuttosto imprevedibili condizioni metereologiche.
La cultura della sicurezza deve essere ampliata in molti comparti e istituzioni, lo scambio di informazioni tra attori coinvolti nella conservazione ed enti istituzionali è di fondamentale importanza. Gli attori principali del soccorso come i Vigili del Fuoco che giornalmente lavorano su scenari emergenziali, come anche i Carabinieri devono avere un ruolo di primo piano nelle scelte strategiche sulla conservazione del patrimonio storico, artistico e architettonico del Paese, che come sappiamo tutti è uno dei più ricchi al mondo.
La critica più ricorrente e dolorosa in simili casi è che la cura del nostro patrimonio è affidata ad interventi per lo più episodici spesso realizzati in regime di emergenza, con la conseguenza che i costi sono assai più elevati rispetto a quelli necessari per un’adeguata azione di tutela, soprattutto, preventiva. La figura di un professionista della sicurezza che si occupa di preservare beni infungibili dal valore storico-artistico inestimabile è di fondamentale importanza.
Ecco perché nasce questa rubrica, per far conoscere le criticità del nostro patrimonio. Non possiamo più attendere.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

10 − nove =